Il coraggio di non operare

"La nostra competenza, la capacità di operare o, più coraggiosamente, di non operare, nell’interesse esclusivo del paziente, rappresenta l’unica, invincibile arma nei confronti della crisi. È probabilmente una questione legata alle nostre capacità comunicative il far capire ai pazienti che la via per la salute passa principalmente attraverso il rapporto con una persona che non è obbligata a fare qualcosa..."

Covid-19 e fase 2: un paziente ogni dieci potrebbe essere positivo asintomatico

Secondo una indagine Doxa coordinata dal gruppo dell’epidemiologo Carlo La Vecchia dell’Università Statale di Milano, gli Italiani infetti dal coronavirus a fine marzo potrebbero essere stati circa 5 milioni di cui 1 milione nella sola Lombardia...

Medici, odontoiatri e personale sanitario: eroi o vittime del Covid-19?

Il Washington  Post del 1 aprile 2020 ha pubblicato un articolo di Bill Gates su come recuperare il tempo perduto riguardo al Covid-19.  La Gates Foundation ha proposto tre passaggi per affrontare la pandemia: vediamoli insieme.

Covid-19 e DPI: lettera al Direttore

Ho letto con interesse l’articolo dei dottori Luigi Paglia e Rolando Crippa sull’utilizzo dei DPI corretti per i colleghi odontoiatri.

Basta morti! Vogliamo DPI efficaci, un obbligo morale, etico e civile

Siamo purtroppo arrivati al vero nodo cruciale che riguarda la contaminazione del personale sanitario in ambito Covid-19. Si è ormai constatato come la mancanza di dispositivi di protezione individuale sia la causa principale di contagio per chi ogni giorno rischia la propria salute al servizio della collettività.

Covid-19: tampone per le equipe delle urgenze indifferibili

Stabilito che come categoria dobbiamo essere pronti a offrire le prestazioni ai pazienti che a noi si rivolgono in “regime” di urgenza e indifferibilità, dobbiamo chiederci, in base alla normativa vigente, quali sono i dispositivi necessari per lavorare in sicurezza.

Urgente & Indifferibile

Si parla molto in questi giorni della chiusura degli studi odontoiatrici e della possibilità che i clinici offrano ai loro pazienti prestazioni urgenti e non differibili. Il dibattito su questo ultimo punto specialmente sui social è stato vivace con la solita italica possibilità che ognuno interpreti a proprio modo l’urgenza e indifferibilità delle prestazioni.

“Odontosoluzioni” per l’epoca Post Covid-19

"Stiamo fermi per più settimane, ma poi cosa faremo? Come ne usciremo o come dovranno cambiare le nostre operatività nell'epoca Post Covid-19?".

Coronavirus: cosa dobbiamo fare noi dentisti

"Noi dentisti siamo direttamente interessati al SARS-CoV-2, perché la trasmissione per via aerea da persona a persona è estremamente rapida ed è per questo motivo che il virus si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo. In questa fase di pandemia si devono assicurare solamente gli interventi urgenti e non in altro modo differibili”.

La professione di domani: scegliamo per il bene del paziente

Il momento storico è particolarmente denso sia di possibilità che di incognite se si pensa alla libera professione odontoiatrica. “Libera” è la parola chiave da tenere in stretta considerazione e da soppesare quando si pensa a come impostare il proprio futuro professionale.

ISA, Irpef, Irap, Fisconline… questi sconosciuti

È molto comune la delega completa della gestione fiscale della propria attività a consulenti esterni. Con questa decisione si accettano a priori i compromessi contabili decisi da altri, che quasi certamente non vedranno le esigenze dell'odontoiatra al centro del processo decisionale...

Salute orale dei bambini in Italia: a che punto siamo?

Un recentissimo editoriale pubblicato su The Lancet sottolinea le criticità riscontrate a livello mondiale a proposito del trattamento odontoiatrico dei piccoli pazienti. Gli ultimi dati epidemiologici riguardanti l’Italia mostrano come gli obiettivi posti dall’OMS per il 2020 siano drammaticamente lontani. La prevalenza della malattia cariosa aumenta significativamente con l’età, passando dal 2,9 % nei bambini da 0 a 23 mesi a oltre il 14 % nei bambini dai 48 ai 71 mesi...

ECM, Evidence Certified Medicine

Si chiude questo mese un triennio ECM intenso, che ha visto Il Dentista Moderno protagonista della formazione di migliaia di colleghi. L’esigenza di attingere agli aggiornamenti ai quali la nostra professione è sottoposta è alla base della logica della formazione continua in medicina.

La nascita del gusto e la “super-prevenzione” primaria

Dalla 30esima settimana di vita fetale le papille gustative sono funzionanti e il liquido amniotico e le sue variazioni causate dall’alimentazione materna possono stimolare nel feto i recettori del gusto. Questa precocissima attivazione dei sensi parrebbe essere il primo passo per la nascita di una “memoria del gusto”...

Aprire alla condivisione per muovere curiosità e innovazione

Curiosità e innovazione sono quelle caratteristiche che animano un ricercatore e che attraverso il metodo scientifico prendono forma e diventano pubblicazioni. La mole di lavoro fatta dagli atenei e dai gruppi di lavoro non trova però piena e capillare diffusione. Per questo, 11 finanziatori della ricerca europea hanno già deciso di dare una svolta alle pubblicazioni alle quali contribuiscono...

Antibioticoresistenza: una vera epidemia!

Un importante contributo per ridurre gli effetti drammatici dell’antibioticoresistenza dovrà venire da un impegno del mondo della ricerca e delle istituzioni della classe medica per promuovere campagne di divulgazione sull’uso appropriato della terapia antibiotica. E qui dovemmo chiederci: siamo pronti noi dentisti?

Leggi Il Dentista Moderno

  • n.7 - Luglio 2021
  • n.6 - Giugno 2021
  • n.5 - Maggio 2021
css.php