DM_il dentista moderno_strumenti Ni-Ti

Influenza del processamento termico in autoclave sulla resistenza degli strumenti Ni-Ti

Gli strumenti rotanti Ni-Ti sono diventati un vero e proprio standard operativo in endodonzia. Il trattamento termico a cui sono sottoposti è una metodica comune volta a incrementarne la resistenza alla frattura. Essendo la sterilizzazione in autoclave un trattamento termico, gli autori dello studio riportato si sono chiesti se questa sia in grado, paradossalmente, di influire negativamente sulla resistenza acquisita dallo strumento.
Ipossia, angiogenesi e vitalità pulpare

Vecchi e nuovi materiali nel mantenimento della vitalità pulpare

Nel mantenimento della vitalità pulpare, i professionisti si affidano ancora largamente al “caro vecchio” idrossido di calcio, da qualche anno affiancato all'MTA. Esistono i presupposti per aprirsi, in un prossimo futuro, a nuovi materiali?

La detersione del sistema dei canali radicolari

Una procedura essenziale per la buona riuscita della terapia endodontica: né la sagomatura né l’otturazione canalare sono in grado di garantire una riduzione della carica batterica sufficiente per il successo endodontico a lungo termine

La riparazione delle perforazioni con materiali bioceramici: MTA o biodentine?

La tempestività dell’intervento è uno dei principali fattori che influenzano la prognosi della sigillatura di una perforazione endodontica. Il punto chiave è garantire un sigillo stabile con un materiale ottimale, facile da manipolare e da posizionare.
DM_il-dentoista-moderno-tc_tac_esami_micro-tc in endodonzia

Micro-TC in endodonzia: valutazione del deterioramento progressivo di strumenti rotanti

Diverse metodiche sono state proposte al fine di valutare sperimentalmente l'integrità strutturale degli strumenti endodontici rotanti. Un recente studio, pubblicato su Engineering Failure Analysis, ha testato in questo campo la micro-tomografia computerizzata, tecnica non invasiva in grado di fornire immagini tridimensionali e consente di calcolare in automatico i dati di area e volume.
DM_il-dentoista-moderno_endodonzia_terapia-canalare_ecpgrafia in endodonzia

Ecografia in endodonzia per la diagnostica delle fistole

Ecografia in endodonzia: un interessante lavoro, condotto da un gruppo di studio italiano e recentemente pubblicato su Journal of Endodontics, ha proposto l'impiego dell'ecografia nel riconoscimento di tramiti fistolosi di origine endodontica.
DM_il-dentista-moderno_Somministrazione-locale-di-desametasone-e-betametasone-dopo-trattamento-di-pulpite-irreversibile-in-singola-seduta.jpg

Somministrazione locale di desametasone e betametasone dopo trattamento di pulpite irreversibile in singola seduta

Dopo trattamento endodontico, alcuni pazienti possono presentare una sintomatologia dolorosa, anche severa, che si protrae per più giorni, in maniera indipendente dal successo della terapia. Alcuni autori descrivono la possibilità di scegliere molecole di tipo steroideo, come desametasone e betametasone, impiegandole per via sistemica o locale.
DM_il-dentista-moderno_MTA-E-biodentine

MTA e biodentine nella gestione della polpa vitale dell’elemento deciduo: esiste una prima scelta?

MTA e biodentine a confronto: non sono state rilevate differenze statisticamente significative tra i due materiali in alcuna di queste fasi sequenziali.

L’importanza di sagomatura e detersione dei canali radicolari

Conoscere con precisione la morfologia dell’elemento dentale per pianificare le fasi del trattamento e scegliere lo strumentario più adatto a cura di Francesca Cerutti L’odontoiatra chiamato...

Le procedure endorestaurative

Conoscere le caratteristiche di una turbina odontoiatrica Le conseguenze dell'esposizione al rumore Quanto conta la temperatura sull'efficienza del taglio? Qual è l'importanza del...

Dente trattato endodonticamente in sede frontale e il perno in fibra

Il dente trattato endodonticamente diviene più delicato ed è maggiormente esposto a fratture e complicanze. L'obiettivo di un trattamento è la risoluzione della problematica contingente e, allo stesso modo, il ripristino della futuribilità del dente malato. La restaurativa post-endodontica rimane un oggetto di dibattito importante, soprattutto nelle sedi frontali, laddove è particolarmente rilevante un terzo target, ovvero il ripristino dell'anatomia dentale e, con essa, della normale estetica.
DM_il dentista moderno_endodonzia apertura camera pulpare

Endodonzia: l’apertura della camera pulpare

Molti maestri dell'endodonzia insistono sulla corretta apertura della camera pulpare come un passaggio dirimente per tutta la terapia che ne segue. È il caso...
DM_il dentista moderno_Evidenze recenti e di interesse clinico nella rivascolarizzazione del dente immaturo necrotico

Evidenze recenti e di interesse clinico nella rivascolarizzazione del dente immaturo necrotico

Nel soggetto in crescita, il trattamento di un elemento permanente necrotico con apice immaturo presenta complessità clinica spesso rilevante, determinata da pareti radicolari sottili e forame apicale ampio. Alcuni Autori sottolineano tuttavia come l'approccio tradizionale sia soggetto a un tasso di successo non elevatissimo (attestabile intorno al 74%) ed esponga il dente a un aumentato rischio di frattura...

Riassorbimento cervicale esterno

Un quadro clinico di difficile approccio, su cui sono stati compiuti alcuni sviluppi negli ultimi anni. Lo stato attuale dell'evidenza su questa tematica è stato fornito dal gruppo di lavoro di Patel, che ha condotto una importante review, pubblicata a metà 2018 sull'International Endodontic Journal.
DM_il dentista moderno_Classificazione prognostica per il dente trattato endodonticamente

Classificazione prognostica per il dente trattato endodonticamente

Il dente trattato endodonticamente va incontro a una degenerazione delle caratteristiche biomeccaniche che lo espone a più elevato un rischio di fratture, e dunque di perdita, rispetto all'elemento vitale. Il processo non riguarda i tessuti dentari solo intrinsecamente, ma dipende anche da fattori estrinseci, come la riduzione del compenso propriocettivo e anche dall'azione chimica di sostanze impiegate in endodonzia.

Lesione del nervo alveolare inferiore durante trattamento endodontico: come procedere?

Il danno del nervo alveolare inferiore in endodonzia costituisce una complicanza rara in termini assoluti ma degna di attenzione se vista in senso relativo: per la precisione, tra le neuropatie iatrogene in ambito odontoiatrico, quella endodontica rappresenta la prima voce tra le non chirurgiche.

Leggi Il Dentista Moderno

  • n.3 - Marzo 2020
  • n.2 - Febbraio 2020
  • n.1 - Gennaio 2020
css.php