DM_Il dentista moderno_tecnica bulk fill

Tecnica bulk-fill semplificata nei settori posteriori

L'impiego compositi bulk-fill, resine a ridotto tasso di contrazione pensate espressamente per i restauri cavitari nei settori posteriori, soprattutto nei casi di infiltrazione di otturazioni precedenti in amalgama o composito, che costringono sistematicamente ad asportare grosse quantità di tessuto dentario, permette di ridurre molto i tempi operativi che sarebbero richiesti per una procedura convenzionale.
DM_il dentista moderno_restaurativa indiretta compositi

Compositi antibatterici: una reale possibilità?

Nel delineare l'identikit del materiale da otturazione ideale, si può immaginare che questo risulti resistente all'adesione del film batterico e auspicare che svolga addirittura un'azione attiva su di esso. Alcuni dei materiali più promettenti per quanto riguarda questa seconda caratteristica vengono qui illustrati, in riferimento a quanto riportato da Cheng e colleghi nella loro ampia revisione clinica.

Quantificare lo stato di salute di un’otturazione

L'evoluzione dei prodotti e l'uniformarsi dei protocolli operativi in odontoiatria restaurativa ha contribuito a fissare verso l'alto gli standard in termini di risultato finale. Certo, il valore della manualità dell'operatore rimane elevato, ma è altrettanto logico il fatto che l'otturazione, essendo un atto clinico scientificamente guidato, abbia un efficacia in qualche modo quantificabile.
DM_il dentista moderno_Remineralizzazione dello smalto

Rimineralizzazione dello smalto

Lo smalto è un tessuto eccezionalmente duro, acellulare con un contenuto minerale pari al 96% in forma di cristalli idrossiapatite di calcio (Ca10(PO4)6(OH)2). Lo...
DM_il dentista moderno_biochimica della fotopolimerizzazione

Biochimica e tecnologi della fotopolimerizzazione

La seconda parte dell'articolo considera le diverse sistematiche polimerizzanti che nel corso del tempo sono comparse sul mercato. Luci quarzo-tungesteno-alogeno: tecnologia mutuata dall'ingegneria aerospaziale, introdotta...
DM_IL DENTISTA MODERNO_Fattori coinvolgenti la polimerizzazione delle resine composite

Biochimica e tecnologia della fotopolimerizzazione

La restaurativa contemporanea si basa ampiamente sulla metodica adesiva. Questa copre praticamente la totalità della conservativa e, oramai, una buona parte della protesi, oltre che delle tecniche ibride (intarsistica). Il workflow adesivo si basa sull'impiego di resine composite, la cui polimerizzazione viene attivata e portata a termine (completamente o almeno in parte) tramite light curing...
Lesioni cariose cervicali: la teoria dell'abfraction

Lesioni cariose cervicali: la teoria dell’abfraction

L'usura dentale è una condizione dal notevole peso clinico, tipicamente ma non esclusivamente correlata con l'età. Il fattore causale più noto è senza dubbio quello meccanico e, nella fattispecie, l'abrasione. Tipicamente, l'impiego scorretto – spazzolamento aggressivo e orizzontale – di spazzolini può condurre alla formazione di lesioni di questo tipo.
-Come-valutare-lesito-di-una-pulpotomia

Come valutare l’esito di una pulpotomia: approccio evidence-based

La pulpotomia consiste nella rimozione di una quota di dentina vitale esposta accidentalmente – a seguito della rimozione di una carie o di un...
DM_il dentista moderno_intarsi inlay in ceramica_preparazione

Intarsi inlay in ceramica: criteri di preparazione cavitaria

L'odontoiatria restaurativa diretta a carico dei settori posteriori sta conoscendo oggi una diffusione clinica rilevante, beneficiando di importanti sviluppi che interessano tanto le metodiche...
Adesivo Adhese Universal_adesivi universali_odontoiatria restaurativa

Materiali in odontoiatria restaurativa: gli adesivi “universali”

Da alcuni anni, parlando di adesivi smalto-dentinali, in ambito clinico e commerciale si fa largo uso della dicitura adesivi "universali”. Un articolo comparso tempo...
DM_il dentista moderno_Polimerizzazione e fattori che possono influire in odontoiatria restaurativa

Polimerizzazione e fattori che possono influire in odontoiatria restaurativa

Nella prima parte dell’articolo è già stato brevemente osservato come le metodiche di stratificazione in odontoiatria restaurativa si siano evolute sulla base delle proprietà...
DM_IL DENTISTA MODERNO_Fattori coinvolgenti la polimerizzazione delle resine composite

Fattori coinvolgenti la polimerizzazione delle resine composite

L’introduzione delle resine composite fotopolimerizzabili in odontoiatria ha senza dubbio permesso un cambiamento radicale nell’approccio alla malattia cariosa. Al di là dei vantaggi di...
Degradazione dello strato ibrido e pretrattamento con clorexidina

Degradazione dello strato ibrido e pretrattamento con clorexidina

L'avvento delle metodiche di restauro adesive ha senza dubbio determinato una rivoluzione nella pratica conservativa e protesica in odontoiatria, segnando un passaggio netto dalle...
DM_il dentista moderno_resine composite_compositi in odontoiatria

Caratteristiche di riempimento dei compositi in odontoiatria

Ormai da diversi anni i moderni compositi in odontoiatria costituiscono uno standard operativo in restaurativa. Concettualmente, un composito è costituito da 3 componenti: una matrice...
DM_il dentista moderno_Il fenomeno dello stress da contrazione nelle resine composite

Il fenomeno dello stress da contrazione nelle resine composite

Oramai da diversi anni i materiali compositi costituiscono lo standard operativo nell'ambito della terapia conservativa. Si è assistito a uno sviluppo di questi sia...
DM_il dentista moderno_ Amelogenesi imperfetta e difetti nella formazione di smalto e dentina

Amelogenesi imperfetta e difetti nella formazione di smalto e dentina

Il termine “amelogenesi imperfetta” definisce un complesso sindromico comprendente una serie di condizioni cliniche, che possono essere riunite sia per ciò che riguarda l'eziopatogenesi...
css.php