Quando scegliere l’implantologia a carico immediato

Come possiamo classificare le riabilitazioni di cui un paziente può avere bisogno e scegliere se adottare un protocollo di implantologia a carico immediato nel suo trattamento? Ci vengono incontro in tal senso le linee guida dell’ITI che cerca di far chiarezza sulle possibilità terapeutiche e i criteri di scelta nella realizzazione del piano di trattamento. Possiamo dividere perciò i pazienti in 4 classi:

Impianti a carico immediato per riabilitazione di elemento singolo in paziente parzialmente edentulo
  • Va sempre tenuto a mente che per le regioni anteriori e i premolari, il carico immediato o precoce di impianti singoli è una procedura predicibile in termini di sopravvivenza implantare e stabilità di osso marginale. Tuttavia, i dati per quanto riguarda gli aspetti della gestione dei tessuti molli non sono tali da poter consigliare carico immediato o precoce in area estetica. Il carico immediato in tali siti dovrebbe essere affrontato con cautela e da clinici esperti.
  • La regione molare mandibolare, il carico immediato è una procedimento predicibile e può generalmente essere consigliato nei casi in cui sono identificati benefici clinici.
  • La bassa quantità di dati in letteratura sul carico immediato di corone singole su implanti, nell’osso mascellare in regione molare non permette raccomandazioni tali da suggerire questa tempistica di carico. In questi siti, il carico convenzionale dovrebbe essere la procedura di scelta.
Impianti a carico immediato per pazienti con edentulia parziale ma più elementi mancanti.
  • In assenza di fattori modificanti, il carico precoce di impianti di pazienti parzialmente edentuli è un approccio terapeutico predicibile.
  • Il carico immediato di impianti in siti posteriori edentuli sembra essere perdicibile, tuttavia, in tali lo scarso beneficio clinico, fa si che questo protocollo sia poco utilizzato.
  • Il carico immediato degli impianti in zona anteriore, per pazienti con estesa edentulia, andrebbe valutato attentamente e svolto da clinici esperti dato che non esistono prove sufficienti per supportare tale trattamento.
Implantologia a carico immediato per protesi fisse in pazienti con edentulia totale

YouTube: please specify correct url

Video uploaded on Youtube by Spazio Education

Pubblicità
  • In questo caso bisognerà prestare attenzione a diversi aspetti, in quanto il trattamento di edentulia totale con protesi fisse impianto-supportate è complesso secondo i criteri di Risk Assessment (SAC) dell’ITI. 
  • Una selezione accurata del caso e pianificazione del trattamento saranno preludio indispensabile. Carichi immediati, precoci, o convenzionali attuati con protesi fisse provvisorie hanno dimostrato alti tassi di sopravvivenza implantari e quindi risultano procedure raccomandabili sia nella mandibola che nel mascellare superiore.
  • Il numero, le dimensioni e la distribuzione di impianti per una protesi full-arch fissa dovrà basarsi su precisa pianificazione implanto-protesica.
  • La stabilità primaria di ciascun impianto dovrà essere appurata , al fine di prevedere una corretta osteointegrazione indipendentemente dal protocollo di carico scelto.
  • Nel caso di contestuale necessaria procedura di aumento osseo, questa rappresenta una controindicazione  relativa al carico immediato.
Impianti a carico immediato per overdentures implanto-supportate in mascellari edentuli 
  • Il protocollo di carico previsto dovrebbe essere scelto considerando sia aspetti implanto-protesici come  quelli psicosociali e funzionali del paziente, oltre alle esigenze da lui espresse.
  • Il carico immediato o precoce, rappresenta un trattamento soddisfacente nella gestione dei  mascellari edentuli, quando si utilizzano protesi overdenture implanto-ritenute; questo approccio può essere raccomandato di routine in assenza di fattori modificanti.

Oltre ai vantaggi che un protocollo di carico, studi sulla sopravvivenza a lungo termine hanno riportato che in area di buona qualità e quantità ossea, questa metodica possa essere un approccio praticabile. Nel complesso il grado di sopravvivenza implantare degli impianti a carico immediato è simile a quella degli impianti caricati in modo convenzionale, secondo alcuni studi. Analisi istologiche basate su studi su uomo e animale hanno rinforzato l’idea che l’osteointegrazione possa essere raggiunta anche con impianti realizzati con protocollo di carico immediato.

I vantaggi che questo protocollo consente risiedono sicuramente in periodi di trattamento più brevi, maggior confort del paziente, recupero di estetica e funzione più rapida; alti tassi di successo sono stati mostrati già dal alcuni studi negli anni ’80. L’88% di sopravvivenza a 5 anni è stato riscontrato in 1739 impianti caricati immediatamente. Alcuni articoli invece indicano nel 95% la sopravvivenza implantare a 5 anni con questo protocollo, vale a dire equivalente agli indici di successo raggiunti dal convenzionale approccio 2-stages . Con questi dati più che equiparare le due metodiche, si può notare come, effettuato un corretta valutazione pre-operatoria del paziente, attestato il Risk Assessment per un determinato caso, padroneggiando adeguatamente il protocollo e basandosi sulle linee guida proposte da diverse associazioni tra cui l’ITI, sia possibile ottenere successi, alti tassi di sopravvivenza e soddisfazione da parte dei pazienti con un protocollo di carico di tipo immediato.

Quando scegliere l’implantologia a carico immediato - Ultima modifica: 2015-12-12T08:54:43+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome