São Paulo: HIV/AIDS senza candidosi orale

Factors associated with time free of oral candidiasis in children living with HIV/AIDS, São Paulo, Brazil

Autori:

Konstantyner TC,
Silva AM,
Tanaka LF,
Marques HH,
Latorre Mdo R

La candidosi orale persistente (o mughetto) è la condizione funginea più frequente tra i bambini affetti dal virus dell’immunodeficienza umana o sindrome da immunodeficienza acquisita (HIV/AIDS). Ecco i dati di uno studio retrospettivo di coorte condotto sui bambini in cura presso un centro di riferimento per la cura dell’AIDS nella città di São Paulo, in Brasile.

I medici del centro sono stati addestrati per diagnosticare la persistente candidosi orale mediante un esame microscopico di un campione della mucosa orale con reperti caratteristici oppure un esame macroscopico di placche bianche rimovibili sul tessuto eritematoso, secondo le raccomandazioni del Ministero della Salute. La popolazione di questo studio è costituita da pazienti con infezione da HIV contratta attraverso la trasmissione verticale e con meno di 13 anni di età.

La popolazione iniziale era composta da 452 bambini, 325 dei quali con i criteri di inclusione. Tuttavia, 38 sono stati esclusi per follow-up inferiore a 90 giorni. Il campione finale è risultato quindi composto da 287 bambini. Ė stato utilizzato il modello Prentice, Williams e Peterson per lo studio dei fattori associati al tempo trascorso senza la presenza di candidosi orale. I fattori associati sono stati i seguenti: moderata immunodepressione (HR = 2.5, p = 0.005), grave immunodepressione (HR = 3.5, p <0.001), anemia (HR = 3.3, p <0.001), malnutrizione (HR = 2.6, p = 0.004), ospedalizzazione (HR = 2.2, p <0,001), in monoterapia (HR = 0.5, p = 0.006), doppia terapia (HR = 0.3, p <0.001) e terapia tripla/altamente attiva la terapia antiretrovirale (HR = 0.1, p <0.001).

I 287 bambini sono stati distribuiti tra i tre strati rischio. Sono state inserite nel database alcune osservazioni per ogni bambino in base al numero di episodi di candidosi orale: 198 i bambini che non hanno sviluppato candidosi orale hanno costituito lo strato 1 (ognuno ha contribuito a  una osservazione al database); 44 hanno esibito un episodio di candidosi orale e hanno costituito lo strato 1 e 2 (due osservazioni al database ); 26 hanno manifestato due episodi di candidosi orale e costituiti da strati 1, 2 e 3 (ognuno ha contribuito a tre osservazioni al database) e 19 hanno manifestato tre episodi di candidosi orale e composti da strati 1, 2 e 3 (ciascuno ha contribuito a tre osservazioni al database). Così, la coorte era formata da 421 osservazioni su 287 bambini.

Il tempo costituiva una variabile dipendente ed è stato definito in base all’ordine del verificarsi degli eventi:

  • intervallo di 1° tempo (strato 1): periodo (in anni) tra l’inizio del follow-up presso il centro di riferimento e la data del primo episodio di candidosi orale o censura;
  • 2° intervallo (strato 2): periodo (in anni) tra la data del primo episodio e la data del secondo episodio di candidosi orale o censura;
  • intervallo di 3° tempo (strato 3): periodo (in anni) tra la data del secondo episodio e la data del terzo episodio di candidosi orale o censura.

In sostanza in questo articolo sono state fatte 421 osservazioni relative a 287 bambini con infezione da HIV tra il 1985 e il 2009. Il tempo medio di follow-up è stato di 6,8 ± 5,0 anni (range: 0,3-17,8 anni). La maggioranza (67,5%) ha ricevuto una diagnosi di laboratorio di HIV prima dell’avvento della HAART, il 51,3% era di sesso femminile e quasi la metà (47,5 %) di età compresa tra uno e cinque anni all’insorgenza di follow-up. Più del 70% ha esibito una compromissione del sistema immunitario e quasi il 100% aveva una carica virale plasmatica rilevabile durante il periodo di follow-up per la candidiasi orale.

Fino a tre mesi prima della comparsa di candidosi orale, l’8,1% ha evidenziato anemia, il 6,2% malnutrizione e il 31,3% ha avuto almeno un ricovero. Dal presente studio si può concludere che l’anemia è un predittore della candidosi orale, tant’è vero che il tempo trascorso senza la presenza di candidosi orale è maggiore nei bambini senza anemia. Il presente studio ha anche dimostrato l’effetto benefico dei farmaci antiretrovirali, in particolare l’HAART, nella prevenzione della candidosi orale. Nessuna associazione è stata riscontrata tra il tempo trascorso senza candidosi orale e il sesso o l’età dei bambini con l’HIV/AIDS. Questi risultati sono in accordo con i risultati riportati in una coorte di bambini americani.

Cad Saude Publica. 2013 Nov;29(11):2197-207

São Paulo: HIV/AIDS senza candidosi orale - Ultima modifica: 2013-11-27T09:41:42+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome