L’abitudine al fumo viene definita come la prima causa di morte evitabile dall’Organizzazione Mondiale della Sanità la quale, a partire dal 1988, indìce ogni 31 maggio la Giornata mondiale senza tabacco. Il medico odontoiatra è tenuto a sapere – e a far sapere – che il tabagismo provoca danno diretto o indiretto al sistema respiratorio, a quello cardio-circolatorio, agli apparati tegumentario e riproduttivo e a diversi altri organi, tra i quali fegato, pancreas e vescica.

Come già detto, la pelle è uno degli organi maggiormente colpiti, soprattutto quella del viso, tanto che nel 1985 il dott. Douglas Model descrisse i caratteri tipici della facies che lui stesso chiamò “smoker’s face”.

Nel cavo orale, alcune sostanze sprigionate dalla combustione del tabacco e le alte temperature rappresentano dei fattori irritativi delle mucose, e si associano alle precancerosi di tipo leucoplachico.

Pubblicità

Il tabacco, insieme con l’alcool, rappresenta poi il principale fattore di rischio del cancro orale vero e proprio, soprattutto nell’istotipo squamocellulare; lo stesso processo di carcinogenesi avviene nelle mucose cheratinizzate di faringe e laringe.

Il fumo figura anche tra le cause principali di una patologia di pertinenza prettamente odontoiatrica, ossia la malattia parodontale , della quale rappresenta anche un fattore prognostico negativo. Indicazioni sovrapponibili per quanto riguarda la perimplantite, dato che il fumo è tra i patient factor predisponenti alla mucosite perimplantare e alla perdita di osso crestale , oltre a complicarne il trattamento; non va dimenticato che, inoltre, che l’abitudine al fumo rappresenta una controindicazione parziale alla stessa riabilitazione implantare, dato che ritarda la guarigione delle ferite chirurgiche e predispone a fallimento implantare.

Per tutte queste ragioni, il paziente odontoiatrico fumatore, che semplicemente richiede il ripristino di una salute orale accettabile, dovrebbe avere ben chiaro come la propria abitudine viziata rappresenti un grosso ostacolo nell’intraprendere un percorso di cure.

Nel corso del congresso internazionale Innovazione, sostenibilità e stili di vita, organizzato da “Il Dentista Moderno” per il 3 luglio 2015 presso l’hotel Marriott di Milano, il dott. Silvano Gallus (istituto Mario Negri, Milano) andrà ad analizzare l’impatto del tabagismo, nella realtà italiana e mondiale, e come gli odontoiatri possano interfacciarsi con i pazienti e con i medici generali su questa problematica.

Fumo: un fattore di rischio, tante preoccupazioni per la salute orale - Ultima modifica: 2015-05-04T09:25:51+00:00 da redazione

2 Commenti

  1. Smettere di fumare in gravidanza, un obbligo per la salute orale | DM Il Dentista Moderno

    […] da “Il Dentista Moderno” per il 3 luglio 2015 presso l’hotel Marriott di Milano, il dott.Silvano Gallus (istituto Mario Negri, Milano) andrà ad analizzare l’impatto del tabagismo, nella realtà […]

  2. Placche di avanzamento occlusale per il trattamento delle OSAS | DM Il Dentista Moderno

    […] Quando necessario e prima di tutto, il paziente dovrebbe essere incoraggiato a correggere l’atteggiamento posturale durante il sonno e a migliorare il proprio stile di vita, diminuendo il proprio peso e l’assunzione di alcolici e fumo. […]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome