Ponte su intarsi inlay: quale materiale utilizzare?

Fig.a

Riabilitazione di edentulia singola posteriore, un approccio conservativo utilizzando FRC: quattro case report
Conservative approach for restoring posterior missing tooth with fiber reinforcement materials: four clinical reports
Karaarslan ES, Ertas E, Ozsevik S, Usumezd A. Eur J Dent 2011;5:465-471.

L’approccio minimamente invasivo mira al ripristino morfo-funzionale passando attraverso il maggior risparmio possibile di struttura dentale sana. A tale scopo sono state realizzate protesi parziali fisse su intarsi inlay con l’ausilio di diversi materiali in grado di sfruttare la metodica adesiva, così da rendere più semplice e conservativo il trattamento.

Basandosi sui principi di odontoiatria minimamente invasiva, gli autori illustrano quattro casi in cui sono state confezionate protesi parziali fisse su intarsi inlay realizzate con FRC. La riabilitazione mira a restituire una corretta occlusione e un’estetica adeguata, nel rispetto della sostanza dentale sana degli elementi pilastro.

Pubblicità

Varie soluzioni protesiche possono essere utilizzate per riabilitare un’edentulia singola posteriore. Il trattamento implantare ha portato a un approccio più conservativo, non rendendo necessaria la preparazione di elementi pilastro come nel caso della protesi parziale fissa. Tuttavia, alcuni pazienti rifiutano questa opzione terapeutica, sia a causa del costo elevato che per paura. Problemi sistemici possono rappresentare inoltre controindicazioni alla chirurgia.

La classica FDP, per essere stabile, necessita di una riduzione aggressiva durante la preparazione dei denti pilastro. Protesi parziali fisse cementate con tecnica adesiva, previa la preparazione di due cavità di tipo inlay, permettono il restauro di elementi singoli in zone posteriori, riducendo al minimo il sacrificio di dentina e il rischio di esposizione pulpare. Tra i materiali proposti per la realizzazione di questi restauri ci sono i compositi rinforzati con fibre (FRC).
L’uso di FRC è stato proposto per l’ottima adesione al cemento resinoso, la buona estetica e la rigidità del materiale.

Così, quando si desidera un restauro estetico con minimo sacrificio del dente, FDP ritenute da inlay realizzate in FRC possono rappresentare una valida opzione terapeutica. Lo scopo di questo studio clinico è stato testare la validità clinica di questi materiali.  Sono stati trattati 4 pazienti con edentulia singola. Dopo preparazione delle cavità con angoli arrotondati e delle pareti con adeguata divergenza (5°-15°), sono state effettuate le impronte con VPS (Elite HD, Zhermack SpA) e si è provveduto all’otturazione provvisoria.

Realizzato il restauro in laboratorio, le otturazioni provvisorie sono state rimosse, la protesi e le cavità sono state sabbiate e risciacquate. Previa valutazione dell’occlusione e dell’estetica a manufatto adagiato, si sono mordenzati smalto e dentina. Gli elementi sono stati irrigati abbondantemente con acqua e asciugati delicatamente con aria ed è stato applicato un adesivo monocomponente (One-Step Plus, Bisco). La cementazione è stata effettuata con un cemento duale (Bisco) polimerizzato per un totale di 40 secondi.
I margini sono stati rifiniti con frese a grana fine e gommini da lucidatura.
Durante un periodo di valutazione clinica di un anno non sono state osservate fratture, discromia marginale, sensibilità post-operatoria o carie secondarie.

La preparazione richiesta è stata minima e si è supplito alla mancanza dell’elemento dentale con piena soddisfazione e minimo discomfort dei pazienti. Le proprietà meccaniche degli FRC devono essere migliorate in modo da ridurre il rischio di fallimento clinico dovuto a frattura. In questi casi clinici il materiale utilizzato sembra essere una valida soluzione per ottenere inlay FPD, in combinazione con tecniche adesive. Tuttavia, ulteriori valutazioni devono ancora essere effettuate per rivelare prestazioni cliniche a lungo termine di tali materiali.

Implicazioni cliniche
La scelta di protesi parziali fisse ritenute da intarsi inlay consente di ridurre al minimo la perdita di sostanza dentale, in particolar modo dove sono già presenti vecchie otturazioni. Per le loro caratteristiche gli FRC rappresentano una possibilità nello sviluppo di questi manufatti.
Ponte su intarsi inlay: quale materiale utilizzare? - Ultima modifica: 2015-06-15T16:35:48+00:00 da Redazione

1 commento

  1. Materiali per le ricostruzioni con tecnologia CAD-CAM alla poltrona | DM Il Dentista Moderno

    […] una maggiore scelta dei blocchi con qualità estetiche è disponibile sul mercato. Blocchetti di resina-ceramica rinforzata è stato anche recentemente introdotto sul mercato con buon […]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome