Management tissutale perimplantare con l’utilizzo di una matrice tridimensionale di derivazione suina Premium

Scopo del lavoro. Valutare le possibilità di una nuova matrice tridimensionale nella gestione dei tessuti perimplantari.
Materiali e metodi. Una matrice tridimensionale di origine porcina è stata inserita al momento della seconda fase chirurgica intorno alla vite di guarigione per aumentare il volume dei tessuti molli perimplantari.
Risultati. La matrice tridimensionale non ha avuto problemi di integrazione e a distanza di oltre 2 anni il risultato estetico e funzionale dell’aumento di volume è ancora stabile.
Conclusioni. Con tutte le limitazioni di un solo caso clinico, la matrice tridimensionale sembra essere una valida alternativa all’utilizzo di tessuto autologo nella gestione dei tessuti perimplantari.

Carlo De Annuntiis
Odontoiatra, libero professionista, Roma

Questo contenuto è riservato agli abbonati al Dentista Moderno.

Abbonati e continua a leggere su DM Club, l'area premium del Dentista Moderno

Fai già parte del DM Club?
Management tissutale perimplantare con l’utilizzo di una matrice tridimensionale di derivazione suina - Ultima modifica: 2020-09-17T09:25:18+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome