L’ansia del dentista nel bambino: un approccio psicologico

Conclusioni

La natura del comportamento ansioso o fobico manifestato dal bambino e poi dall’adulto può essere spesso facilmente ricostruibile su base anamnestica, tramite questionario o intervista in profondità. Questa indicazione ci permette di introdurre forme di controllo dell’ansia nell’ambiente odontoiatrico, in modo da ridurne non solo le manifestazioni comportamentali (che disturbano il trattamento e accrescono le difficoltà di relazione tra odontoiatra e bambino), ma anche le percezioni negative e, quindi, i rinforzi per le successive manifestazioni anche in un’ottica futura. Divenuto adulto il paziente certo non rimuove lo stato ansioso connesso a quelle percezioni negative infantili e trascura la bocca quasi a voler esorcizzare i suoi problemi con il dentista.

Arriva così in situazioni davvero difficili e questo comportamento paradosso finisce per rinforzare il suo atteggiamento fobico16. Ogni bambino è diverso e quindi richiede un approccio personalizzato. La via che conduce alla liberazione dalla paura la si percorre solo quando il medico ha la capacità di stabilire con il paziente un atteggiamento di umana condivisione che permette il superamento delle ansie e l’adesione al piano di cura17. La prima forma di terapia, nella professione medica, si ottiene essendo aperti alla comprensione e alla comunicazione con il piccolo paziente; solo abbandonando qualsiasi atteggiamento rigido il medico potrà veramente ricercare sul piano clinico soluzioni sempre più individualizzate.

Pubblicità

Il paziente, sentendosi parte attiva nel processo terapeutico, costituirà un legame tale da poter affrontare insieme qualunque problema possa presentarsi in futuro. Fondamentale in questo processo è l’utilizzo da parte dell’equipe odontoiatrica di un linguaggio idoneo all’età del bambino: chiaro, semplice, confidenziale con l’uso di rinforzi positivi verbali che permettono un aumento dell’empatia, che di conseguenza porta alla formulazione di un “patto” tra operatore e giovane paziente (riguardo alla durata dell’intervento, alle modalità di esecuzione ecc.)18-21.

Conflitto di interessi
Gli Autori dichiarano di non avere nessun conflitto di
interessi.
Corrispondenza
Prof. Giampietro Farronato
Università di Milano
Via Commenda 10 – 20100 Milano
Tel. +39 (0)55032520
giampietro.farronato@unimi.it

bibliografia

1. Porritt J, Marshman Z, Rodd HD. Understanding children’s dental anxiety and psychological approaches to its reduction. Int J Paed Dent 2012;22(6):397-405.

2. Blinkhorn AS, Kay EJ, Atkinson JM, Millar K. Advice for the dental team on coping with the nervous child. Dent Update 1990;17(10):415-9.

3. Locker D, Liddell A, Dempster L, Shapiro D. Age of Onset of Dental Anxiety. J Dent Res; 1999;78(3):790-96.

4. Peretz B, Nazarian Y, Bimstein E. Dental anxiety in a students’ paediatric dental clinic: children, parents and students. International Journal of Paediatric Dentistry 2004;14:192-98.

5. Folayan MO, Idehen EE, Ojo OO. The modulating effect of culture on the expression of dental anxiety in children: a literature review. International Journal of Paediatric Dentistry 2004;14:241-45.

6. Litt M. A model of pain and anxiety associated with acute stressors: distress in dental procedures. Behav Res Ther 1996;34:459-76.

7. Carrillo-Diaz M, Crego A, Armfield JM, Romero-Maroto M. Treatment experience, frequency of dental visits, and children’s dental fear: a cognitive approach. Eur J Oral Sci 2012;120:75-81.

8. Kent G. Cognitive processes in dental anxiety. Br J Clin Psychol 1985;24:259-64.

9. Ingman KA, Ollendick TH, Akande A. Cross-cultural aspects of fears in African children and adolescents. Behav Res Ther 1999;37(4):337-45.

10. Rachman S. Psychological treatment of anxiety: the evolution of behavior theraphy and cognitive behavior therapy. Ann Rev Clin Psychol 2009;5:97- 119.

11. Milgrom P, Mancl L, King B, Weinstein P. Origins of childhood dental fear. Behav Res Ther 1995;33(3):313-9.

12. Koch G, Poulsen S. Odontoiatria infantile. Milano: Edi Ermes 2004;3,4:18-44.

13. Birardi V, Gola G. Compendio clinico di Odontoiatria Infantile. Milano: Edi Ermes 2008;1,2:3-27.

14. Farhat-McHayleh N, Harfouche A. Techniques for Managing Behaviour in Pediatric Dentistry: Comparative Study of Live Modelling and Tell-Show-Do Based on Children’s Heart Rates during Treatment. J C D A 2009;75:4.

15. Sharath A, Rekka P et al. Children’s behavior pattern and behavior management techniques used in a structured postgraduate dental program. J Indian Soc Pedod Dent Prev 2009;27:22-26.

16. Rowe M. Dental fear: comparisons between younger and older adults. American Journal of Health Studies 2005;20(4):219-224.

18. Farronato G, Calderini A, Giannì AB. Valutazione previsionale della collaborazione del paziente ortognatodontico. Atti del Convegno Naz. SIDO – Firenze 1992.

19. Farronato G, Del Colle C, Parazzoli E, Giannì AB. L’informatica quale mezzo di rinforzo motivazionale del paziente ortodontico. Atti del Convegno Naz. SIDO – Firenze 1992.

20. Farronato G, Giannini L, Galbiati G, Maspero C. Sagittal and vertical effects of rapid maxillary expansion in Class I, II, and III occlusions. Angle Orthod 2011 Mar;81(2):298-303.

21. Farronato G, Carletti V, Maspero C, Farronato D, Giannini L, Bellintani C. Craniofacial growth in children affected by juvenile idiopathic arthritis involving the temporomandibular joint: functional therapy management.

L’ansia del dentista nel bambino: un approccio psicologico - Ultima modifica: 2013-06-01T16:56:26+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome