Influenza della contenzione ortodontica sulla salute parodontale

14. Contenzione fissa linguale: si notano depositi di tartaro e pigmentazioni estrinseche.

La contenzione ortodontica costituisce uno dei grandi dilemmi clinici e scientifici in ambito ortodontico e, proprio per questo, queste pagine hanno avuto ampiamente modo di trattare il tema. L’aspetto maggiormente trattato, in precedenza, è quello della predicibilità, tema legittimamente centrale per una misura che ha il preciso scopo di stabilizzare i risultati di una terapia condotta in precedenza. Ancora oggi, in effetti, il rischio di recidive rimane concreto, soprattutto in arcata inferiore, e non vi è consenso a proposito della durata indicativo del trattamento, che molti autori consigliano quindi di prorogare a vita.

A proposito del periodo ritentivo post-terapeutico, vi sono indicazioni secondo cui i primi 8 mesi risulterebbero critici, per via del processo di rimodellamento delle fibre parodontali. A questo proposito, pare importante approfondire l’aspetto della possibile influenza della contenzione ortodontica fissa sulla salute del parodonto.

È quanto si è proposto di fare il gruppo di Arn che, in una revisione sistematica della letteratura, recentemente pubblicata sull’American Journal of Orthodontics and Dentofacial Orthopedics, ha valutato appunto i potenziali effetti deleteri a livello parodontale e, secondariamente, ha cercato di raccomandare una tecnica operativa.

Partendo da un totale di quasi 400 record screenati da Medline, EMBASE, Cochrane Oral Health Group's Trials Register e CENTRAL, gli autori hanno selezionato un totale di 29 full text, così suddivisi: 11 trial clinici randomizzati, 5 studi di coorte (4 prospettici e uno retrospettivo) e 13 studi cross-sectional. A causa dell'elevata eterogeneità identificata negli studi inclusi e della mancanza di evidenze di qualità elevata, l’esecuzione di una meta-analisi è stata ritenuta non percorribile.

La contenzione ortodontica fissa in che modo influisce sullo stato parodontale?

La maggior parte degli studi inclusi indica come la contenzione fissa non influenzano la salute parodontale. Al contrario, 2 studi randomizzati, 1 studio di coorte prospettico, 46 e 2 studi trasversali hanno rilevato condizioni parodontali maggiormente compromesse in presenza di contenzioni fisse.

Secondo alcuni, la causa sarebbe da addurre all’uso di compositi rinforzati in fibre, per cui sarebbero da preferire contenzioni a filo, ma non si registrano conferme in tal senso. Altri hanno studiato la sede di posizionamento, più incisale o più gengivale, della contenzione, o, ancora, il tipo di filo, singolo liscio o multistranded.
Comunque, in nessuno dei casi citati sono stati riportati effetti dannosi seri sul parodonto.

In conclusione, l’allestimento di una contenzione ortodontica fissa è da ritenersi misura sicura per la salute del parodonto. Data l’elevata eterogeneità incontrata, i revisori non sono stati in grado di indicare una metodica fissa da preferire.

Riferimenti bibliografici

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32005466

Influenza della contenzione ortodontica sulla salute parodontale - Ultima modifica: 2020-02-18T07:18:25+00:00 da redazione
Influenza della contenzione ortodontica sulla salute parodontale - Ultima modifica: 2020-02-18T07:18:25+00:00 da redazione
Influenza della contenzione ortodontica sulla salute parodontale - Ultima modifica: 2020-02-18T07:18:25+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome