Per gli Aso (Assistenti di studio odontoiatrico), l'esperienza Covid-19 rappresenta un segno di svolta. A dirlo è Silvia Alessandra Terzo, Aso e vicesegretario generale di Siaso-Confsal, il Sindacato italiano degli assistenti di studio odontoiatrico.

"Nel prossimo futuro, quando gli studi riapriranno", prevede Silvia Alessandra Terzo, "il nostro approccio nei confronti del paziente sarà completamente diverso". Come diverse sono le questioni da porre al centro dell'attenzione rispetto ai compiti che l'assistente di studio odontoiatrico, suggerisce il vicesegretario generale di Siaso-Confsal, dovrà svolgere all'interno dell'ambulatorio. Un altro dei temi trattati nell'inchiesta de Il Dentista Moderno (maggio 2020).

Pubblicità
Silvia Alessandra Terzo, Aso e Vicesegretario generale di Siaso-Confsal, il Sindacato italiano degli assistenti di studio odontoiatrico.

Il "triage telefonico", un compito delicato

Gli Aso sono gli operatori che negli studi monoprofessionali e in quelli meno strutturati solitamente contattano telefonicamente il paziente per confermare gli appuntamenti. Ma sono autorizzati a porre domande per effettuare il “triage telefonico", si domanda Alessandra Terzo? In altre parole, all'Aso è consentito fare la valutazione clinica preliminare del paziente, dato che non rientra nelle sue competenze e mansioni raccogliere i dati relativi all’anamnesi? La prima cosa da fare, dunque, sarà stabilire chi, tra gli operatori sanitari presenti in studio e adeguatamente formati, dovrà accertarsi dello stato di salute del paziente al telefono e in che modo.

La vigilanza in studio, nelle mani anche delle Aso

Altro punto fondamentale è l'accesso dei pazienti in studio e la loro permanenza in sala d'attesa. "Dovremo chiedere al paziente di non venire accompagnato e nel caso di trattamenti con carattere d’urgenza (ad esempio un’estrazione dentaria complessa), o di cure su un minore", prevede Terzo, "chiedere all’accompagnatore di attendere fuori dallo studio".

Qualora questa richiesta non venisse accolta o nel caso di accompagnatori di disabili o di bambini piccoli, sarà importante il monitoraggio e la vigilanza, fa notare Terzo. "Sono compiti essenziali che potranno essere svolti dalla segretaria, ma anche dall'Aso", dice Terzo, al fine di mantenere le distanze di sicurezza, senza tuttavia compromettere l'equilibrio emotivo del paziente". Chiaramente con la presenza di un unico Aso in studio sarà problematica la gestione di entrambi i ruoli: reception e assistenza all’odontoiatra.

L'accoglienza in studio

Una volta arrivato in studio, il paziente verrà invitato a riporre indumenti (cappotti, giacconi, caschi) e accessori (borse e zaini, telefoni e tablet) in sala d’attesa. "Per quanto riguarda borse e dispositivi elettronici", dice Terzo, "se non fosse possibile sistemarli lontani dalla zona operativa, sarà opportuno invitare il paziente a riporli all’interno di una borsa di plastica che verrà chiusa. I copriscarpe monouso, invece, già adottati da tempo in molti studi dentistici, sarà buona norma continuare ad usarli, istruendo il paziente su come indossarli e poi su come rimuoverli correttamente".

Igiene delle mani e distanza di sicurezza

L'altra indicazione da comunicare al paziente riguarda l'igiene delle mani, considerate uno dei principali veicoli di trasmissione del virus. "Dovremo accertarci che il paziente, una volta entrato in studio", spiega Terzo, "se le lavi accuratamente per poi asciugarle con salviette monouso, lasciando comunque a disposizione di tutti in sala d'attesa anche un gel disinfettante a base alcolica".

Anche il rispetto della distanza di sicurezza è un mezzo efficace per ridurre la trasmissione del Covid-19. "È l'altro aspetto che dovremo tenere sotto controllo", conclude Terzo, "perché se la distanza di sicurezza non può essere rispettata alla poltrona, in considerazione delle terapie erogate da uno studio dentistico, può e dovrà essere mantenuta all'ingresso dello studio, cioè in fase di accoglienza e poi all'uscita, ovvero all'atto della dimissione del paziente".

Aso e Covid-19, cosa cambierà alla riapertura degli studi - Ultima modifica: 2020-04-24T11:27:29+00:00 da Pierluigi Altea

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome