Allineatori ortodontici e ortopedia mandibolare. Case report Premium

Vengono presentati due casi clinici con malocclusione di classe II in pazienti in crescita trattati con avanzamento mandibolare tramite la nuova funzione del dispositivo Invisalign®: un approccio che sembra essere molto promettente purché il trattamento sia iniziato in fase puberale, quando la crescita condilare è in accelerazione.

Luca Stoppello1
Simone Parrini2
Francesco Garino3
Andrea Deregibus4
Tommaso Castroflorio5   

1Odontoiatra, libero professionista, Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia, Dipartimento di Scienze Chirurgiche, CIR Dental School, Università di Torino
2Odontoiatra, Specialista in Ortognatodonzia, Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia, Dipartimento di Scienze Chirurgiche, CIR Dental School, Università di Torino
3Odontoiatra, Specialista in Ortognatodonzia, libero professionista, Torino
4Professore aggregato, Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia, Dipartimento di Scienze Chirurgiche, CIR Dental School, Università di Torino
5Odontoiatra, Dottorato di Ricerca, Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia, Dipartimento di Scienze Chirurgiche, CIR Dental School, Università di Torino

Pubblicità

 

La malocclusione di classe II è tra le più frequenti disarmonie scheletriche sagittali nella popolazione caucasica1. La sua origine può essere imputata alla retroposizione mandibolare, alla protrusione mascellare o a entrambe: la retrusione mandibolare è il fattore che contribuisce maggiormente alla malocclusione di classe II2,3. Un approccio ortopedico nel trattamento della retrusione mandibolare scheletrica in pazienti in crescita è basato sullo stimolo della crescita condilare indotto da un posizionamento avanzato della mandibola4,5.

Questo contenuto è riservato agli abbonati al Dentista Moderno.

Abbonati e continua a leggere su DM Club, l'area premium del Dentista Moderno

Fai già parte del DM Club?
Allineatori ortodontici e ortopedia mandibolare. Case report - Ultima modifica: 2019-03-02T08:48:51+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome