Trattamento predicibile di perimplantiti

Dopo le fasi di sterilizzazione del campo, è stato applicato un innesto di osso autogeno protetto da una membrana riassorbibile e, infine, si è proceduto con la sutura. La figura 3 mostra le radiografie ottenute dopo 2 e 3 anni dal trattamento della perimplantite. Tutti i reperti radiografici confermano una ricrescita di tipo osseo intorno alla superficie implantare. La figura 4 mostra un’immagine di tomografia computerizzata in sezione bucco-linguale del sito a 4 anni dalla terapia; l’area intorno all’impianto appare stabile.

4. Queste immagini sono scansioni CT elaborate con software di volume rendering realizzate a 4 anni dal trattamento. Confrontandole con le immagini intra-operatorie di quando è stato effettuato il trattamento si può osservare come questi abbia avuto successo, portando alla formazione di nuovo osso nell’area perimplantare.

Conclusioni

Le microesplosioni prodotte dal laser Er:YAG possono effettivamente rimuovere la superficie di ossido di titanio contaminato presente negli impianti affetti da perimplantite. Quando l’irradiazione con luce laser Er:YAG è accompagnata da uno spray d’acqua si evita che vi sia un eccessivo surriscaldamento della zona, preservando dall’eventuale danneggiamento dei tessuti ossei circostanti che potrebbe inficiare l’osteointegrazione. Questi risultati mostrano chiaramente come le difficoltà del trattamento delle perimplantiti possano essere risolte con successo mediante l’utilizzo del laser Er:YAG.

Pubblicità

Corrispondenza
Atsuhiko Yamamoto
autis@silver.ocn.ne.jp

>English Version>

Trattamento predicibile di perimplantiti - Ultima modifica: 2013-02-27T15:37:07+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome