L’occlusione e le sue implicazioni

Lato della masticazione, simmetria della forza del morso e area di contatto occlusale in soggetti con diversi modelli facciali verticali
Chewing side, bite force symmetry and occlusal contact area of subjects with different facial vertical patterns
Gomes SGF, Custodio W, Faot F, Del Bel Cury AA, Garcia RCMR. Braz Oral Res 2011;25(5):446-52.

Lo scopo di questo studio è quello di verificare se i soggetti con diverse morfologie cranio-facciali presentano preferenze circa il lato della masticazione, asimmetrie di forza del morso tra il lato destro e quello sinistro e asimmetrie circa l’area di contatto occlusale.

Le dimensioni cranio-facciali influenzano le funzioni orali; tuttavia, non è noto se sono associate a una funzione di asimmetria. È stato riportato in letteratura che i muscoli masticatori di soggetti dolicofacciali sono meno efficienti nel generare forze di masticazione in confronto ai soggetti brachifaciali. Sessantotto soggetti sani (39 maschi e 39 femmine) con un’età media di 23,5 anni sono stati selezionati per partecipare a questo studio secondo i seguenti criteri di inclusione: non dovevano presentare alcuna deformità facciale, nessuna grave malocclusione (morso aperto anteriore, cross-bite), nessuna storia di segni o sintomi di disordini temporo-mandibolari, nessuna storia di parafunzioni, nessuna pregressa chirurgia maxillo-facciale subita o lesioni della mascella presenti, nessun trattamento ortodontico concluso negli ultimi 2 anni.

Pubblicità

Il peso (kg) e l’altezza (m) dei soggetti che hanno accettato di partecipare a questo studio sono stati misurati per controllare i dati antropometrici. Sono stati eseguiti per tutti i partecipanti gli esami cefalo metrici; i cefalogrammi sono stati analizzati in modo digitale con il software di analisi cefalometrica (Radiocef v.4.0, Radio Memory Ltda, Belo Horizonte, Brasile). L’Indice VERT è stato usato per determinare il modello facciale verticale dei soggetti, che sono stati divisi in 3 gruppi (per ogni gruppo, n = 26) secondo il tipo di viso:

  • mesofacciale(VERT Index tra -0,49 e +0,49);
  • brachifacciale (VERT Index >0,5);
  • dolicofacciale(VERT Index <-0.5).

L’analisi cefalometrica e la classificazione del modello di viso dei soggetti sono state eseguite da un unico operatore, mentre  altri due sono stati impiegati (in cieco, rispetto al modello del viso) per raccogliere dati circa la forza del morso e i contatti occlusali. La preferenza del lato di masticazione è stata valutata utilizzando attrezzature apposite, l’area di contatto è stata misurata mediante registrazione dell’occlusione dei denti posteriori con siliconi e la forza del morso è stata misurata unilateralmente sulle regioni molari con sensori di 25 mm di spessore.
L’analisi statistica è stata effettuata utilizzando il metodo ANOVA , Student t-test, e Mann-Whitney test a un livello di significatività del 5%. I risultati ottenuti nel suddetto studio hanno dimostrato che i soggetti mesofacciali, brachifacciali e dolicofacciali presentano una maggiore area di contatto occlusale sul lato sinistro. Solo i soggetti dolicofacciali hanno mostrato asimmetria circa la forza del morso nei due lati, presentando maggiore forza sul lato sinistro. In tutti i gruppi non si sono riscontrate differenze statisticamente significative circa la preferenza del lato di masticazione.

Implicazioni cliniche

Il clinico deve tenere in considerazione nei casi di riabilitazione protesica che la simmetria laterale della forza del morso è influenzata dal modello cranio-facciale verticale.

L’occlusione e le sue implicazioni - Ultima modifica: 2012-07-25T09:11:04+00:00 da fabiomaggioni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome