Il tessuto peri-implantare: studio istopatologico

Studio dentistico sbiancamento dentale

Le caratteristiche cliniche dei tessuti molli peri-implantari devono essere valutate per la presenza o l’assenza di edema e rossore, così come per le variazioni nel grado di presenza di placca e di sanguinamento, avendo la consapevolezza che il posizionamento di un impianto comporterà cambiamenti patologici variabili risultanti dalla procedura chirurgica che possono tradursi in atrofia gengivale e sono influenzati da altre situazioni come il sesso, l’età o altre condizioni di ogni singolo paziente.

L’epitelio riscontrato intorno agli impianti è morfologicamente e fenotipicamente epitelio orale, che assomiglia a quello circostante dei denti adiacenti. Sulla base di questi principi, la funzione essenziale dell’epitelio durante il processo di guarigione consiste nel coprire il tessuto connettivale esposto e stabilire una barriera che ha caratteristiche comuni a quelle dell’epitelio giunzionale dentale. L’epitelio quindi ha la capacità di proliferare attorno all’impianto e rappresenta un allegato sovra-alveolare. Cochran et al. hanno dimostrato la reale adesione delle cellule epiteliali e fibroblastiche alle superfici sia lisce che ruvide del titanio. I loro risultati hanno confermato che il legame tra il tessuto connettivale e l’epitelio potrebbe impedire la migrazione batterica sui lati dell’impianti in titanio.

In questo studio sono stati presi in considerazione 20 pazienti provenienti da studi privati, che si sono rivolti al dentista per sostituire un dente mancante con un impianto.
L’età media era di 46,30 ± 13,24 anni, con un range di età tra i 25-65 anni, sei maschi (30%) e 14 femmine (70%). I criteri di esclusione sono stati: igiene orale insufficiente, abitudine al fumo, malattie sistemiche croniche o pertinenti parafunzioni.

Pubblicità

La tecnica chirurgica, il posizionamento dell’impianto e la raccolta del tessuto gengivale stati eseguiti dallo stesso chirurgo. Gli impianti posizionati erano 35 MkII del sistema Branemark, Nobel Biocare (Goteborg, Svezia), con lunghezze di 10 e 12 mm e 3,3 mm di diametro. I pazienti sono stati valutati all’inizio della fase protesica, cioè 12 settimane dopo l’inserimento dell’impianto, e in questa sede sono state anche prelevate biopsie contenenti circa 4 x 1 mm di gengiva dal solco gengivale peri-implantare. Dopo l’osservazione macroscopica le biopsie sono state fissate in formalina tamponata al 10% e processate per la microscopia ottica.

I pazienti sono stati divisi in due gruppi di 10 pazienti ciascuno: Gruppo I: pazienti senza segni infiammatori clinici (gruppo controllo); Gruppo II: pazienti con segni infiammatori clinici (gruppo sperimentale) .
I parametri istopatologici analizzati sono stati: infiammazione del corion, igonfiore cellulare e cambiamenti nucleari classificati in tre gradi, lieve, moderato o grave (grado 1, 2 o 3).
Tutti i pazienti hanno firmato un consenso informato e sono stati trattati secondo i principi della Dichiarazione di Helsinki per la ricerca medica che coinvolge soggetti umani e il materiale umano identificabile.

Il gruppo di controllo istologicamente ha mostrato solo lievi modifiche, di grado 1. Nel gruppo II invece anche istologicamente sono stati riscontrati edema da moderata a cambiamenti cellulari e nucleari gravi. Ci sono più donne che uomini, con tutti i tipi di infiammazione. Tutti i pazienti con edema moderato sono di sesso maschile e tutti i pazienti con grave edema sono di sesso femminile. Un’associazione significativa (p = 0,007) esiste tra queste due variabili. Sono state riscontrate differenze significative confrontando il grado di infiammazione con alterazioni nucleari (p = 0,001) e gli stessi risultati confrontando il grado di edema e cambiamenti nucleari (p <0.001).

Questo studio dimostra che l’esame clinico può essere utilizzato, con un piccolo margine di errore, per monitorare e controllare lo stato della mucosa perimplantare andando di pari passo con l’istopatologia. Clinicamente è da tenere in considerazione che le pazienti di sesso femminile sviluppano dopo un intervento di implantologia un maggior grado di edema e infiammazione.

Revisiting peri-implant soft tissue: histopathological study of the peri-implant soft tissue

Autori:

Eduarda Silva,
Sérgio Félix,
Alberto Rodriguez-Archilla,
Pedro Oliveira,
José Martins dos Santos

J Clin Exp Pathol. 2014 Jan 15;7(2):611-8. eCollection 2014.

Il tessuto peri-implantare: studio istopatologico - Ultima modifica: 2014-03-05T08:00:18+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome