Quasi quotidianamente mi capita di rispondere a odontoiatri che chiamano preoccupati per sapere l’esatto comportamento da tenere nei confronti di collaboratori e ASO renitenti al vaccino contro il SARS-CoV-2. Al di là della mera apprensione legata alla diffusione della malattia, le preoccupazioni manifestate sono per lo più connesse alle responsabilità sanitarie e professionali che un comportamento non conforme alla normativa vigente farebbe conseguire nei confronti dei propri pazienti, oltre che alla necessità di trovare nell’immediatezza una sostituzione adeguata, per requisiti e parametri normativi.

Il caso

Una operatrice sociosanitaria (OSS) adiva la Sezione Lavoro del Tribunale di Verona avanzando un ricorso per ottenere un provvedimento di urgenza che disponesse la propria reintegrazione nella struttura per anziani di cui era dipendente. Sottolineava come nessun comportamento fosse stato mai oggetto di biasimo da parte della RSA ad eccezione del diniego espresso alla inoculazione del vaccino contro il Covid-19, che aveva indotto la titolarità a porla senza stipendio in aspettativa.

Continua a leggere su DM Club,
la sezione premium de Il Dentista Moderno

Registrati al sito e accedi subito ad una selezione di articoli free come questo, indicati con il logo DM CLUB Free Premium CREA UN ACCOUNT

Fai già parte del DM Club?

Abbonati a Il Dentista Moderno per accedere a tutti gli altri contenuti e vantaggi riservati agli abbonati.

Il renitente - Ultima modifica: 2021-12-13T14:30:32+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome