CSS conferma le aree di competenza odontoiatriche in ambito di medicina estetica

Carlo Ghirlanda, presidente Andi

È finalmente giunta la risposta del Ministero della Salute ai quesiti posti dalla Direzione Generale delle Professioni Sanitarie e delle Risorse Umane del Servizio Sanitario Nazionale (DGPROF) al Consiglio Superiore della Sanità (CSS) in tema di terapie estetiche effettuate da chi è in possesso della sola laurea in Odontoiatria e Protesi Dentale.

Nel documento vengono definite leciti solo gli interventi con finalità estetica strettamente correlati alle terapie di malattie e anomalie congenite o acquisite di bocca, denti, mascelle e relativi tessuti (zone perilabiali e dei mascellari inferiore e superiore fino all’area sottozigomatica).
Il presidente nazionale ANDI Carlo Ghirlanda ha dichiarato che «il parere del CSS conferma l’estensione dell’area d’intervento di nostra competenza rispetto a quanto stabilito in precedenza». Confermato inoltre anche «il fatto che una volta che le Università avranno introdotto la formazione in “estetica dei tessuti relativi alle aree di competenza odontoiatrica” nel corso di laurea in Odontoiatria, il limite funzionale e quello sui vincoli sul materiale da usare e sulla stretta correlazione alla terapia odontoiatrica saranno superati

 

CSS conferma le aree di competenza odontoiatriche in ambito di medicina estetica - Ultima modifica: 2019-08-27T07:24:06+00:00 da redazione
CSS conferma le aree di competenza odontoiatriche in ambito di medicina estetica - Ultima modifica: 2019-08-27T07:24:06+00:00 da redazione
CSS conferma le aree di competenza odontoiatriche in ambito di medicina estetica - Ultima modifica: 2019-08-27T07:24:06+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome