Credito di imposta per spese di sanificazione e acquisto di dispositivi anti-Covid: Ghirlanda chiede di più

DM_il-dentista-moderno_sspese-di-anificazione_coronavirus covid-19 protection shield for medical purpose

È stato reso noto il credito di imposta per le spese di sanificazione e per l’acquisto di dispositivi di protezione anti-Covid previsto dal Dl Rilancio. Riportiamo di seguito il comunicato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate:

 

Fissato l’ammontare del credito di imposta per le spese di sanificazione e acquisto dei dispositivi di protezione anti-coronavirus introdotto dal Decreto rilancio. Nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate di oggi, infatti, viene resa nota la percentuale che permette di calcolare l’importo spettante ad ogni richiedente. La misura del credito effettivamente utilizzabile è pari al 15,6423 per cento del credito richiesto. Questa percentuale è il risultato del rapporto tra gli importi richiesti dai contribuenti entro il 7 settembre 2020, pari a 1.278.578.142 euro, ed il limite massimo di spesa fissato dalla legge in 200 milioni di euro. Ogni beneficiario può visualizzare il credito d’imposta spettante nel proprio cassetto fiscale, accessibile dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate. Secondo quanto disposto dall’articolo 125 del decreto-legge n. 34 del 19 maggio 2020, l’ammontare del credito d’imposta non può comunque eccedere il valore di 60 mila euro.


 

 

Le modalità di utilizzo del credito di imposta – I soggetti beneficiari possono scegliere se utilizzare il credito d’imposta nella dichiarazione dei redditi oppure in compensazione tramite modello F24; in alternativa, possono optare per la cessione, anche parziale, del credito stesso ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari. L’opzione può essere esercitata fino al 31 dicembre 2021. La comunicazione all’Agenzia della cessione del credito per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione può avvenire a partire dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del provvedimento odierno, pertanto a partire da lunedì 14 settembre. La comunicazione della cessione può essere effettuata solo dal soggetto cedente con le funzionalità rese disponibili nell’area riservata del sito dell’Agenzia (Entratel/Fisconline).


 

 

 

«Non è sufficiente» ha commentato il presidente dell’Associazione Nazionale Dentisti Italiani (ANDI), Carlo Ghirlanda. «È indispensabile che per noi odontoiatri e per tutti i professionisti sanitari impediti al distanziamento per motivi legati alle terapie da eseguire il governo provveda a emanare una immediata nuova misura di legge mirata specificamente a queste categorie per sostenere le spese alle quali dobbiamo autonomamente provvedere per lavorare in sicurezza.»

«Decine di migliaia di medici, odontoiatri e professionisti sanitari non possono essere considerati in un mucchio onnicomprensivo» prosegue.

«Noi rischiamo la nostra salute per mantenere quella dei cittadini italiani. Abbiamo immediato bisogno di misure governative dedicate e di incentivi economici ulteriori e costanti, che ci consentano di provvedere alle terapie di nostra competenza con sicurezza per ognuno di noi. Richiederemo subito questo intervento, già nella conversione in legge del DL Agosto. Non ricevere ascolto da parte del governo e del parlamento sarebbe un pessimo segnale per quelle categorie che solo pochi mesi orsono erano considerate esempio di eroismo e abnegazione» conclude Ghirlanda.

Credito di imposta per spese di sanificazione e acquisto di dispositivi anti-Covid: Ghirlanda chiede di più - Ultima modifica: 2020-09-15T06:13:08+00:00 da redazione
Credito di imposta per spese di sanificazione e acquisto di dispositivi anti-Covid: Ghirlanda chiede di più - Ultima modifica: 2020-09-15T06:13:08+00:00 da redazione
Credito di imposta per spese di sanificazione e acquisto di dispositivi anti-Covid: Ghirlanda chiede di più - Ultima modifica: 2020-09-15T06:13:08+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome