Clorexidina in conservativa: un ausilio per stabilizzare il legame adesivo nel tempo?

1. Zimogramma relativo all’attività delle MMP-2 nella dentina estratta. Linea 1: assenza di attività litica da parte delle MMP nelle proteine estratte dalla polvere di dentina mineralizzata; Linea2: presenza di MMP-2 e MMP-9 nella dentina trattata con mordenzante; Linea 3: elevata presenza di MMPs nella dentina incubata con SB1XT per 24 h; Linee 4 e 5: si vede la completa inibizione delle MMPs in seguito all’incubazione con 0,2 o 2% di CHX e SB1XT.

Gli effetti della clorexidina sull’interfaccia adesiva: studio in vitro a 2 anni

Chlorhexidine stabilizes adhesive interface: a 2-year in vitro study

Breschi L, Mazzoni A, Nato F, Carrihlo M, Visintini E, Tjäderhane L, Ruggeri A, Tay FR, De Stefano Dorigo E, Pashley DH. Dental Materials 2010;26:320-5.

Pubblicità

Nonostante il successo dei nuovi sistemi adesivi, la longevità del legame resta un fattore variabile dipendente, in particolar modo, dalle forze occlusali, dallo stress di espansione e contrazione in relazione ai cambiamenti di temperatura e da fattori chimici. Lo strato ibrido creato dai sistemi adesivi etch and rise a due step, contenenti alte percentuali di monomeri idrofilici, determina la formazione di un’interfaccia molto porosa che inficia la stabilità del legame nel tempo. Inoltre, le metalloproteasi presenti nella dentina, una volta attivate dai fattori endogeni collagenolitici identificati a livello della matrice organica dentinale, degradano le fibre collagene tipo I esposte sulla superficie dello strato ibrido. Questi enzimi sono coinvolti nel turnover del tessuto connettivo riuscendo a degradare quasi tutti i componenti della matrice extracellulare. Recenti studi hanno identificato le isoforme di MMP presenti a livello della dentina umana (MMP-2, 3, 8, 9 e 20). La clorexidina è conosciuta per il suo potente effetto antibatterico nel cavo orale; meno diffuso risulta invece il suo effetto inibente sulle MMP della dentina. Partendo da questi presupposti è possibile capire perché il ruolo della clorexidina come ausilio nella pratica conservativa sia ad oggi molto dibattuto.

Una delle benefiche proprietà della clorexidina digluconata (CHX) è quella di inattivare le MMP-2, 8 e 9. Tuttavia restano da chiarire l’uso della CHX come primer terapeutico per stabilizzare l’interfaccia adesivo-dentinale a lungo termine, il suo effetto sull’attività collagenolitica della dentina, il ruolo delle MMP nella degradazione dello strato ibrido e il meccanismo alla base dell’inibizione delle MMP da parte della CHX. La CHX in soluzione acquosa al 2% sembra coadiuvare la stabilità nel tempo del legame adesivo sulla dentina sia in vitro che in vivo su denti permanenti e decidui. Questo studio cerca di fare chiarezza su questi punti valutando il ruolo della CHX (0,2 e 2%) sull’interfaccia adesivo-dentinale creato con sistema adesivo etch and rinse a due step.

1. Zimogramma relativo all’attività delle MMP-2 nella dentina estratta. Linea 1: assenza di attività litica da parte delle MMP nelle proteine estratte dalla polvere di dentina mineralizzata; Linea2: presenza di MMP-2 e MMP-9 nella dentina trattata con mordenzante; Linea 3: elevata presenza di MMPs nella dentina incubata con SB1XT per 24 h; Linee 4 e 5: si vede la completa inibizione delle MMPs in seguito all’incubazione con 0,2 o 2% di CHX e SB1XT.
1. Zimogramma relativo all’attività delle MMP-2 nella dentina estratta. Linea 1: assenza di attività litica da parte delle MMP nelle proteine estratte dalla polvere di dentina mineralizzata; Linea2: presenza di MMP-2 e MMP-9 nella dentina trattata con mordenzante; Linea 3: elevata presenza di MMPs nella dentina incubata con SB1XT per 24 h; Linee 4 e 5: si vede la completa inibizione delle MMPs in seguito all’incubazione con 0,2 o 2% di CHX e SB1XT.

Lo studio valuta il ruolo di MMP endogene della dentina nell’auto-degradazione delle fibre collagene a livello di interfaccia adesivo-dentinale. Le ipotesi nulle testate erano: a) l’applicazione dei sistemi adesivi e della clorexidina digluconata (CHX) non modificano l’attività delle MMP dentinali; b) l’uso della CHX non aumenta la stabilità dell’interfaccia adesiva nel tempo. Per valutare l’attività delle MMP-2 sono stati effettuati degli zimogrammi di proteine estratte da dentina umana incubata in Adper Scotchbond 1XT (SB1XT) precedentemente trattata con 0,2-2% CHX per 30 secondi o non trattata. La forza di legame e il microgap all’interfaccia del sistema adesivo sono stati testati immediatamente e dopo 2 anni di conservazione in saliva artificiale a 37 °C. Gli zimogrammi hanno mostrato che l’applicazione di SB1XT su polvere di dentina umana aumenta l’attività delle MMP-2, mentre l’applicazione di CHX pre-trattamento inibisce l’attività gelatinolitica nella dentina, indipendentemente dalla concentrazione della CHX usata (Figura 1). La CHX diminuisce significativamente la perdita della forza del legame e la comparsa di microgap a livello della dentina trattata con mordenzante, primer e bonding e conservata per 2 anni in saliva artificiale. Questo studio dimostra il ruolo dell’SB1XT nell’attivazione delle MMP-2 e l’efficacia della CHX nell’inibizione delle MMP anche quando usata a basse concentrazioni (0,2%).

Implicazioni cliniche

Questo studio chiarisce non solo il ruolo delle MMP-2 dentinali nella degradazione dello strato ibrido ma anche il tanto dibattuto effetto inibente della clorexidina sull’attività delle MMP-2. Nella clinica quotidiana è quindi consigliato il pretrattamento con clorexidina in soluzione acquosa allo 0,2 o 2% per 30 secondi della dentina precedentemente mordenzata, seguito dall’applicazione, secondo i protocolli delle case produttrici, del sistema adesivo scelto dall’operatore.  

Clorexidina in conservativa: un ausilio per stabilizzare il legame adesivo nel tempo? - Ultima modifica: 2014-12-11T11:55:34+00:00 da Enrico Colnaghi

1 commento

  1. […] clorexidina è senza dubbio il più noto composto antibatterico ad azione battericida impiegato in ambito […]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome