DM_il dentista moderno_Trattamento della BMS refrattaria

La stomatopirosi, oggi detta più correttamente sindrome della bocca urente (burning mouth syndrome, BMS) è una condizione patologica a eziologia ancora non chiara, ma dal comportamento caratteristico, sindromico appunto. Secondo quanto riportato dalla International Classification for Headache Disorders (ICHD-III beta), nella cui ultima versione (2013) la patologia è stata riportata, si tratta di una condizione di bruciore o disestesia cronica – che ricorre cioè per almeno 2 ore al giorno per 3 mesi – a carico di zone circoscritte delle mucose buccali e linguali. I dati epidemiologici non sono univoci: l’incidenza può essere quantificata in poco più di 10 casi annui ogni 100000 persone, con una prevalenza dello 0.11%. Fondamentale leggere questo dato alla luce del sesso è dell’età: la patologia infatti coinvolge principalmente donne in età postmenopausale, con una media di 59 anni alla diagnosi. Come anticipato, l’eziologia non è completamente sconosciuta: è stato osservato infatti un processo di neuropatia periferica interessante piccole fibre sensitive e, in concomitanza, la presenza di alterazioni a livello centrale – tronco encefalico, sistema dopaminergico del putamen. Una delle più recenti frontiere di ricerca è rappresentato dallo studio delle correlazioni fra BMS, solitamente in forma grave, con disturbi dell’umore a base immunoendocrina, con alterazioni morfofunzionali a livello dell’ippocampo o della corteccia prefrontale.

Il trattamento della BMS conclamata è complesso e legato in parte all’approccio specialistico del caso. L’osservazione del paziente può essere limitata all’odontoiatra (patologo orale), che potrà impostare una terapia non farmacologica: si ritrovano evidenze sull’efficacia dell’applicazione topica di capsaicina (legata all’iperespressione di recettori TRVP1) e sull’assunzione di acido alfalipoico (ALA).

I casi più complessi, invece, richiedono un approccio clinico e terapeutico multispecialistico: allo stomatologo si aggiungeranno figure medico specialistiche come neurologo e psichiatra. Tra i farmaci indicati si ritrovano benzodiazepine (si riscontrano buone evidenze sul clonazepam), antidepressivi triciclici, SSRI e antipsicotici. Anche in questo caso possono essere impostati trattamenti additivi non farmacologici (psicoterapia cognitiva).

Nei casi di correlazione con malattia di Parkinson e sindrome delle gambe senza riposo (restless syndrome, RLS) è stato evidenziato come il trattamento con agonisti dopaminergici portino miglioramento dei sintomi BMS.

Le metodiche farmacologiche possono portare un sollievo, riportando il paziente a una qualità della vita accettabile. Il quadro è diverso qualora si consideri un’effettiva remissione della sintomatologia. Alcuni studi osservano miglioramenti significativi nel 42% dei casi, un dato che può aumentare al 60% quando il farmaco (clonazepam) viene associato a psicoterapia. Recentemente, è stato proposto l’impiego della venlafaxina (antidepressivo appartenente alla classe SNRI) ad alte dosi in combinazione con lo stesso clonazepam, proprio nel trattamento dei casi refrattari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here