Umanizzazione delle cartelle mediche: modello narrativo alfa

Il progetto della cartella clinica umana ha avuto il sostegno del Cnr, della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), dell’Associazione Nazionale Medici di Direzioni Ospedaliere, dell’Associazione Ospedali Pediatrici Italiani, dell’Associazione Salute Attiva Onlus, l’adesione del Presidente della Repubblica e il saluto del ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Attraverso il “modello narrativo alfa”, creato dalla scrittrice e attrice Rosalba Panzieri affiancata dai professori Massimo Santini e Vincenzo Loiaconi, i pazienti raccontano la loro storia scrivendola di proprio pugno: chi sono, in qualsiasi declinazione si percepiscano, le loro gioie, le paure. L’obiettivo è quello di vedere questi aspetti, imprescindibili dell’identità, inseriti in cartella clinica e trattati con la stessa dignità morale e scientifica di qualsiasi altro dato di anamnesi.

Il progetto biennale coinvolgerà oltre 50 ospedali in tutta Italia, portando così avanti la ricerca avviata dall’ospedale San Filippo Neri di Roma.

Pubblicità
Umanizzazione delle cartelle mediche: modello narrativo alfa - Ultima modifica: 2014-07-22T08:55:22+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome