Sensori digitali di nuova generazione

sensori intraorali KaVo IXS™.

KaVo presenta i nuovi sensori intraorali KaVo IXS™. Disponibili nei due formati 1 e 2 (25,2 x 37,0 mm e 30,4 x 42,3 mm rispettivamente), questi sensori implementano una nuova concezione progettuale denominata KaVoTough™ sia per il dispositivo sia per il suo cavo.

Test effettuati evidenziano che:

  • i sensori KaVo IXS™ sono 3 volte più resistenti a eventuali danni e meno soggetti a malfunzionamento rispetto al modello GXS-700;
  • i sensori KaVo IXS™ sono in grado di sopportare il doppio della forza esercitata dal morso del paziente, senza presentare evidenti segni sulla loro superficie, rispetto al modello GXS-700;
  • il cavo dei sensori KaVo IXS™ è in grado di resistere a oltre 240.000 cicli di torsione;
  • il cavo dei sensori KaVo IXS può resistere a una forza di trazione pari a circa 10 Kg (22 lbs) senza alcun degrado nelle prestazioni.

I nuovi sensori KaVo IXS™ si fondano su un’architettura software che garantisce un’integrazione estremamente semplice. È infatti possibile interfacciare direttamente KaVo IXS™ con i più diffusi software di imaging e i gestionali dello studio, senza bisogno di alcun modulo aggiuntivo.

KaVo IXS™ è un dispositivo all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, in quanto dispone di funzionalità che consentono di aggiornare automaticamente il proprio software di controllo per un’ottimale gestione operativa dell’hardware e di scaricare in autonomia i file di calibrazione; KaVo IXS™ è inoltre dotato di funzionalità IoT (Internet of Things), utile a monitorare lo stato dei principali parametri relativi al proprio funzionamento.

KaVo IXS™ si distingue inoltre per l’elevata qualità diagnostica delle immagini prodotte e per l’ergonomia dei due formati disponibili, grazie agli angoli arrotondati, a superfici estremamente lisce e a un cavo appositamente studiato per agevolarne il corretto posizionamento all’interno del cavo orale.

Sensori digitali di nuova generazione - Ultima modifica: 2020-10-02T12:53:34+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome