Nel presente caso clinico, realizzato dal Dott. Joseph Sabbagh, è stato utilizzato lo scanner intraorale DEXIS™ IS 3800 come parte del flusso di lavoro digitale per produrre due corone adiacenti con risultato altamente estetico.

Scanner intraorale
Dottor Joseph Sabbagh

Il Dottor Joseph Sabbagh è Professore, già Responsabile del dipartimento di Odontoiatria restaurativa ed endodonzia presso la facoltà di Odontoiatria dell’Università Libanese. Ha conseguito un Master in Odontoiatria Restaurativa e il dottorato di ricerca in Biomateriali presso l’Università cattolica di Louvain (UCL), in Belgio. Attualmente esercita a Beirut e a Bruxelles.

 

Case report

Una paziente donna, età 51 anni, si presenta nel nostro studio chiedendo un consulto per due premolari superiori di sinistra che presentano ricostruzioni oltre i limiti (Figura 1). Poiché la paziente desidera migliorare l'aspetto estetico del proprio sorriso, si concorda di posizionare due corone in zirconia sugli elementi 24 e 25 .

 

Scanner intraorale
Figura 1. Vista pre-operatoria

 

Dopo il ritrattamento canalare (Figura 2) di entrambi i premolari e una ricostruzione di uno dei due elementi con perno-moncone fuso (Figura 3), si posizionano i due provvisori.

 

Scanner intraorale
Figura 2. Radiografia dei ritrattamenti canalari
Scanner intraorale
Figura 3. Gli elementi dentali 24 e 25 preparati per l’impronta digitale

 

Utilizzando lo scanner intraorale DEXIS™ IS 3800 è stato possibile realizzare l’impronta digitale di entrambe le arcate e la scansione del morso (Figura 4). I file così ottenuti sono stati inviati al laboratorio odontotecnico tramite DEXIS™ IS Connect per la progettazione e il fresaggio di due nuove corone in zirconia (Figura 5).

 

Scanner intraorale

Scanner intraorale

Scanner intraorale
Figura 4. Impronte digitali dei premolari realizzate con lo scanner intraorale DEXIS IS 3800

 

Scanner intraorale
Figura 5. Corone in zirconia dopo la glasatura sui modelli stampati

 

Dopo la prova, il restauro finale è stato consegnato alla paziente e cementato in bocca utilizzando vetroionomero, Fuji One (GC, Giappone).
Le immagini finali (Figura 6 e Figura 7) mostrano un follow-up postoperatorio della situazione clinica a 2 e a 10 mesi e una gengiva in perfette condizioni.

 

Scanner intraorale
Figura 6. Situazione postoperatoria dopo 2 mesi
Scanner intraorale
Figura 7. Controllo dopo 10 mesi

 

Per maggiori informazioni visitate il sito DEXIS.com o richiedete una demo qui

 

 

 

Scanner intraorale: come può avvantaggiare il vostro flusso di lavoro digitale? - Ultima modifica: 2023-10-17T08:52:46+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome