La rigenerazione pulpare è una sfida nel trattamento dei denti necrotici immaturi. La terapia endodontica tradizionale infatti spesso porta a denti deboli e fragili che non si sviluppano completamente. Un gruppo di ricercatori universitari di Tehran, Iran, ha condotto una revisone sistematica sulle tecniche di rigenerazione della polpa. Per poi pubblicare i risultati sul Journal of Dentistry, che sono incoraggianti, ma non definitivi.

Come si è svolta la revisione sistematica

Per affrontare questa problematica, nel tempo sono stati condotti diversi studi clinici randomizzati per valutare l'efficacia dei concentrati di piastrine (PC) nella rigenerazione del complesso dentina-polpa. I ricercatori iraniani hanno preso in esame diverse banche dati come MEDLINE, EMBASE, Cochrane e Google Scholar. Hanno quindi selezionato 13 studi che soddisfacevano i criteri di inclusione. Tra i PC utilizzati, il plasma ricco di piastrine (PRP), il fibrinogeno ricco di piastrine (PRF) e il fibrinogeno ricco di piastrine iniettabile (I-PRF) hanno dimostrato risultati promettenti. Inoltre, alcuni studi hanno utilizzato sia PRP che PRF per i gruppi sperimentali, confrontandoli con un gruppo di controllo trattato con coagulo di sangue (BC).

I risultati della revisione

Gli studiosi hanno evidenziato che i gruppi trattati con PC mostravano un ispessimento delle pareti dentinali, un allungamento delle radici e una chiusura dell'apice maggiori rispetto al gruppo di controllo. Tuttavia, non hanno riscontrato differenze statisticamente significative tra i gruppi. Secondo gli autori, nonostante i risultati promettenti, non c'è ancora un consenso definitivo sull'efficacia della rigenerazione pulpare utilizzando i concentrati di piastrine. La ricerca in questo campo è in corso, ma servono nuove evidenze per confermare e approfondire questi risultati.

La conclusione

La rigenerazione della polpa dentale è un obiettivo ambizioso. E i concentrati di piastrine sembrano favorire la rigenerazione del complesso dentina-polpa, tuttavia sono necessari ulteriori studi per valutare appieno la loro efficacia. La ricerca in corso offre prospettive interessanti per il futuro della rigenerazione della polpa dentale e potrebbe portare a nuove opzioni terapeutiche per i pazienti con denti necrotici immaturi. E dunque a nuovi strumenti per i clinici che per risolvere definitivamente il problema dei denti necrotici farebbero davvero di tutto.

Rigenerazione pulpare, il ruolo dei concentrati di piastrine - Ultima modifica: 2023-07-21T08:50:22+00:00 da Pierluigi Altea
Rigenerazione pulpare, il ruolo dei concentrati di piastrine - Ultima modifica: 2023-07-21T08:50:22+00:00 da Pierluigi Altea

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome