Scopo dell’articolo è descrivere un caso di riabilitazione implantoprotesica superiore e inferiore realizzata mediante pianificazione digitale.
Caso clinico. Un paziente di 50 anni, affetto da parodontopatia diffusa, è andato incontro a bonifica delle arcate dentarie e, dopo un congruo periodo di guarigione, è stato riabilitato con due protesi di tipo Toronto su 4 impianti in ciascuna arcata. Il caso è stato gestito con un workflow interamente digitale a partire dalla TC Cone Beam delle arcate dentarie e dalle scansioni delle protesi rimovibili provvisorie indossate dal paziente durante il periodo di guarigione.
Conclusioni. La progettazione implantare computer guidata è particolarmente utile nei casi complessi di riabilitazioni implantoprotesiche in edentulie totali con ridotti volumi ossei, soprattutto per diminuire le tempistiche di realizzazione dell’intero caso. A ogni modo è ancora necessario che la ricerca clinica continui al fine di migliorare la accuratezza, la affidibilità e la riproducibilità dei risultati.

 

Dino Re1, Albino Bianchi2, Massimiliano Bruschi3,
Simone Galbiati3
, Andrea Enrico Borgonovo2,
Lorenzo Piero Paroni3

1Professore associato, Università degli Studi di Milano,
Direttore del Reparto di Estetica Dentale, Istituto Stomatologico Italiano, Università degli Studi di Milano
2Professore a contratto, Università degli Studi di Milano, Reparto di Estetica Dentale, Istituto Stomatologico Italiano, Università degli Studi di Milano
3Reparto di Estetica Dentale, Istituto Stomatologico Italiano, Università degli Studi di Milano

Pubblicità

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati al Dentista Moderno.

Abbonati e continua a leggere su DM Club, l'area premium del Dentista Moderno

Fai già parte del DM Club?
Riabilitazione bimascellare a carico immediato. Case report - Ultima modifica: 2020-10-19T08:33:07+00:00 da Dino Re

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome