primo soccorso ANDI libro fiaba bambini_paziente che non può masticar

Anche ai bambini si può parlare di primo soccorso, per far entrare nella loro testa i concetti che possono salvare delle vite. Ne sono convinti gli esperti dell’Italian Resuscitation Council, che hanno lanciato una campagna di raccolta fondi sul web per produrre una favola interattiva intitolata ‘Un pic nic.. Mozzafiato’ dedicata ai bimbi da sei a dieci anni, allo scopo di insegnare loro il trattamento di primo soccorso.

La fiaba (http://www.eppela.com/ita/projects/3976/un-pic-nic-mozzafiato), se si raggiungerà l’obiettivo di 8mila euro entro i prossimi 30 giorni, sarà disponibile gratuitamente online, su piattaforma iOS e Android su tablet e cellulari, e sarà tradotta sia in lingua italiana che inglese. Avrà una parte dedicata all’interattività tramite un gioco, nel quale i bambini potranno imparare, ma soprattutto memorizzare, le manovre salvavita sull’arresto cardiaco e sulla disostruzione vie aeree.

“L’intervento attivo dei piccoli lettori nella dimensione ludica è un sicuro elemento di attrazione per il pubblico in target, oltre che un importante passo psicologico verso la logica dell’intervento – spiegano gli esperti del’Irc -. Poche regole, imparate fin da piccoli, non si dimenticano mai più”.

Pubblicità

La morte cardiaca improvvisa è la terza causa di morte più frequente nel mondo, dopo il cancro e le altre malattie cardiovascolari. La rianimazione cardiopolmonare iniziata dai soccorritori “laici” testimoni dell’arresto aumenta di 2-4 volte il tasso di sopravvivenza. Per questo l’European Resuscitation Council ha lanciato la campagna ‘Kids Save Lifes’ per l’insegnamento della rianimazione dai 12 anni di età, supportata in questi giorni sia da un editoriale sulla rivista Lancet che da una dichiarazione ufficiale dell’Oms.

Una fiaba per insegnare il primo soccorso ai bimbi - Ultima modifica: 2015-06-17T16:55:21+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome