Percezione estetica in impianti singoli negli incisivi superiori

Estetica dentale

L'indice più comunemente usato per valutare l'estetica è stato proposto da Belser, seguono l'indice della papilla (PI) descritto da Jemt o il punteggio estetico rosa (PES), che sottolineano l'importanza della papilla adiacente all'impianto.

Nonostante questi indici ben definiti, dentisti e pazienti hanno una diversa percezione dei tessuti molli e duri, soprattutto quando si valutano restauri implantari singoli posizionati nell'area estetica. La percezione estetica sarà differente anche tra le varie tipologie di dentisti?

Lo scopo di questo studio era confrontare la valutazione estetica di impianti a dente singolo negli incisivi superiori da parte di diversi professionisti del settore dentale e studenti di odontoiatria.

Pubblicità

L’indagine è stata di tipo trasversale, sono stati intervistati 200 professionisti utilizzando un questionario estetico soggettivo.

I professionisti, reclutati presso l’ospedale Odontoiatrico dell'Università di Barcellona  e in alcuni studi privati della medesima città, sono stati divisi in 4 gruppi in base al loro background professionale:

  • Odontoiatri con esperienza di minimo 5 anni in implantologia (chirurghi orali, parodontologi e protesisti)
  • Dentisti senza esperienza in implantologia ma con almeno 5 anni di esperienza in procedure odontoiatriche (dentisti generici, endodontisti, dentisti pediatrici e ortodontisti)
  • Studenti al 3°anno di odontoiatria
  • Studenti al 5°anno di odontoiatria

3 questionari svelano la percezione estetica dei pazienti

Ogni partecipante ha compilato 3 questionari, uno per ogni caso proposto.

I casi, corredati di 2 foto frontali, sono stati selezionati in modo che il primo caso avesse il miglior risultato estetico complessivo e l'ultimo paziente avesse il peggior risultato, senza essere un evidente fallimento estetico.

Il questionario consisteva in 2 scale analogiche visive (VAS) per valutare l'estetica, il punteggio estetico rosa (PES), il punteggio estetico bianco (WES) e l'indice papilla semplificato (PI).

Il coefficiente di correlazione intraclasse (ICC) è stato utilizzato per analizzare le variabili di scala (domande VAS) e l'alfa di Cronbach è stato utilizzato per valutare l'affidabilità del test e la coerenza interna.

I risultati hanno mostrato che, per quanto riguarda le caratteristiche dei tessuti molli e della corona, i dentisti esperti in implantologia erano i più esigenti.

L'Alfa di Cronbach ha mostrato valori ≥ 0,8 nel questionario in ogni caso, il che indica un'adeguata affidabilità.

Quando è stato chiesto di identificare la corona, gli studenti di odontoiatria, hanno fallito più spesso. In questa variabile sono state infatti riscontrate differenze significative per i primi 2 casi, ma non per il caso con il peggior risultato estetico.

I dentisti sembravano essere molto critici con i parametri protesici: hanno criticato i parametri dei tessuti molli, ma sono stati generalmente più severi nella valutazione della corona. Questa differenza può essere correlata al fatto che i professionisti sono più abituati a valutare l'estetica delle corone nella pratica clinica.

Il presente studio sottolinea che, soprattutto in casi molto estetici, si possono trovare importanti differenze tra i diversi profili di dentisti, la cui esperienza e area di competenza sembra influenzare la valutazione dell'estetica nella regione anteriore. Pertanto, è altamente probabile che si possano trovare discrepanze anche peggiori tra dentisti e pazienti.

Riferimenti bibliografici sull'estetica implantare

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4920464/

Percezione estetica in impianti singoli negli incisivi superiori - Ultima modifica: 2022-05-30T06:12:13+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome