L’importanza di sagomatura e detersione dei canali radicolari

Conoscere con precisione la morfologia dell’elemento dentale per pianificare le fasi del trattamento e scegliere lo strumentario più adatto

a cura di Francesca Cerutti

L’odontoiatra chiamato a eseguire una terapia endodontica deve comprendere appieno la morfologia tridimensionale del sistema dei canali radicolari: questo lo mette nelle condizioni di affrontare il trattamento con la consapevolezza della complessità anatomica degli elementi dentali e di adottare strumenti e tecniche che gli permettano di eseguire una buona endodonzia. Il sistema dei canali radicolari, infatti, può presentare anatomie complesse, caratterizzate dalla presenza di curvature, canali accessori, istmi, anastomosi e delta, in particolare nel terzo apicale della radice.

I radiogrammi endorali spesso permettono di intuire in fase pre-operatoria la morfologia dei canali radicolari da trattare, ma soltanto un’immagine tridimensionale consente di leggere in modo completo l’anatomia del sistema: molteplici studi pubblicati dalla letteratura internazionale si sono avvalsi di micro-TAC per descrivere nel dettaglio e categorizzare l’anatomia canalare dei denti.

Le micro-TAC non si possono eseguire su paziente, ma nella pratica clinica la possibilità di eseguire delle TC Cone Beam rappresenta un grosso vantaggio nei casi complessi, siano essi trattamenti primari o ritrattamenti, perché permette di apprezzare con precisione la forma dei canali, le particolarità anatomiche e l’ubicazione di eventuali ostacoli o lesioni. L’intero piano di trattamento può essere influenzato significativamente dalle informazioni tratte da questo esame.

Movimento reciprocante o di rotazione continua

Le migliorie introdotte in endodonzia negli ultimi decenni non sono limitate alla fase diagnostica: molto, infatti, è stato fatto per migliorare l’ergonomia del trattamento canalare, rappresentando un enorme vantaggio per il clinico. L’ideazione e la produzione di strumenti dedicati alla sagomatura e alla detersione, nati con la finalità di migliorare la qualità della terapia riducendo i tempi operativi, hanno avuto un grande impatto sulla pratica clinica, rendendo possibile l’esecuzione di terapie di buon livello anche da parte di odontoiatri generici.

Gli strumenti endodontici possono essere manuali o meccanici: i primi sono mossi dall’operatore e la loro azione è totalmente dipendente dalla sensibilità manuale dell’odontoiatra, i secondi sono attivati da dei motori che ne controllano velocità, movimento e torque.

Questo contenuto è riservato ai membri DM Club.

Fai parte del DM Club?

Accedi per visualizzare il contenuto

Hai dimenticato la password?

Non sei ancora iscritto?

clicca ed entra nel club

Sei abbonato a Il Dentista Moderno ma non hai mai effettuato l’accesso all’area DM Club?

Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entrerai a far parte del DM Club ed entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@tecnichenuove.com

L’importanza di sagomatura e detersione dei canali radicolari - Ultima modifica: 2019-06-10T11:58:21+00:00 da monicarecagni
L’importanza di sagomatura e detersione dei canali radicolari - Ultima modifica: 2019-06-10T11:58:21+00:00 da monicarecagni
L’importanza di sagomatura e detersione dei canali radicolari - Ultima modifica: 2019-06-10T11:58:21+00:00 da monicarecagni
L’importanza di sagomatura e detersione dei canali radicolari - Ultima modifica: 2019-06-10T11:58:21+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome