Legge di Stabilità 2016: importantissimi cambiamenti per il dentista

Giungono buone notizie dalla Legge di Stabilità 2016 presentata giovedì 15 Ottobre: il Governo ha finalmente accolto alcune delle richieste che ANDI ha avanzato negli ultimi anni per sostenere la libera professione.

“Dopo anni di incontri e richieste siamo finalmente stati ascoltati su alcuni dei temi utili per sostenere la professione.” ha dichiarato con soddisfazione il Presidente Nazionale Gianfranco Prada.

Da quanto è finora trapelato, le norme che interesseranno direttamente i dentisti sono molte: maggiori detrazioni per gli investimenti in attrezzature e per le spese di formazione, introduzioni di nuove regole in tema di tutela del lavoro autonomo, aumento del tetto per l’uso del contante e 730 Precompilato.

Pubblicità

Saranno introdotti sgravi fiscali per le spese sostenute per l’acquisto (a partire dal 4° trimestre 2015 e per tutto il 2016) di beni strumentali e nuove tecnologie anche per i liberi professionisti, che erano fino ad oggi esclusi. Ci sarà anche un superammortamento che permetterà ad imprese e liberi professionisti di portare in deduzione il costo del bene oltre ad un’ulteriore deduzione extracontabile del 40% del costo sostenuto per l’investimento da utilizzare per il periodo di ammortamento del bene stesso.

Il regime dei minimi vedrà il limite aumentato a 30.000 euro e per le start-up l’aliquota verrà ridotta al 5% per cinque anni.

Uno dei cambiamenti più significativi sarà la deduzione totale delle spese sostenute per la formazione (quote di iscrizione a Corsi e Congressi) fino ad un tetto massimo annuo di 10.000 euro.

Dal 1° gennaio 2016 la soglia per l’utilizzo dei contanti si innalzerà da 1000 a 3000 euro.

“Viene sanata la stortura per cui le imprese potevano beneficiare delle agevolazioni fiscali per gli investimenti fatti, mentre per i dentisti liberi professionisti questo era precluso.” ha spiegato Prada “Storica la decisione di consentire la deduzione totale delle spese per l’aggiornamento professionale e per la formazione dei liberi professionisti,  anche questa è una battaglia che sosteniamo fin dall’introduzione dell’obbligo formativo dell’ aggiornamento professionale ECM. Siamo già pronti a chiedere durante il passaggio parlamentare  anche l’introduzione delle altre norme che riteniamo urgenti per la nostra professione: esclusione dell’invio attraverso il Sistema Tessera Sanitaria delle spese sostenute dai nostri pazienti e l’aumento delle detrazioni fiscali per le spese sostenute per le prestazioni odontoiatriche”.

Legge di Stabilità 2016: importantissimi cambiamenti per il dentista - Ultima modifica: 2015-10-25T08:41:23+00:00 da redazione

2 Commenti

  1. La notizia di tanti benefici e/o agevolazioni a favore degli Odontoiatri è, certamente, positiva. Speriamo che i professionisti italiani colgano l’occasione per abbassare sensibilmente i prezzi dei materiali e delle loro prestazioni, anche per evitare la “fuga” dei pazienti verso i Paesi che confinano con il nord-est italiano, dove si risparmia, rispetto all’Italia, almeno il 70%.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome