Vengono analizzati due diverse forme cavitarie, diversi materiali ed alcuni fattori traumatici, su tutti la qualità del substrato (dente vitale o trattato). Anche in questo caso, il restauro onlay mostra proprietà meccaniche migliori rispetto all’intarsio inlay.

Ricerche precedenti sulla forza del dente trattato endodonticamente o del dente vitale, restaurato con intarsi inlay o onlay, non hanno stabilito quale metodo di restauro e quale materiale forniscano la distribuzione degli stress più favorevole al momento del carico. Lo scopo di questo studio è stato quello di calcolare lo stress di von Mises a carico di un primo molare mandibolare utilizzando un modello tridimensionale. I modelli hanno confrontato denti trattati endodonticamente e denti vitali, una varietà di materiali da restauro, e l’uso di inlay ed onlay.

Materiali e metodi: Quattro modelli 3D di primi molari mandibolari sono stati creati: (1) il gruppo IV (inlay, polpa vitale); (2) il gruppo OV (onlay, polpa vitale); (3) il gruppo IE (inlay, elemento trattato endodonticamente); (4) il gruppo OE (onlay, trattato endodonticamente). In ciascun gruppo, sono stati testati 3 tipi di materiale di restauro: (1) resina composita, (2) ceramica e (3) lega d’oro. I materiali avevano modulo elastico di 19 GPa, 65 GPa, e 96,6 GPa, rispettivamente. Ciascun modello è stato sottoposto ad una forza di 45 N diretta alla superficie occlusale, applicata verticalmente o lateralmente (45° in obliquo). Le tensioni a carico del tessuto dentinale sono stati calcolate. I pattern di distribuzione dello stress e le sollecitazioni di von Mises massime sono stati calcolati e confrontati.

Pubblicità

 Risultati: I diversi materiali da restauro hanno mostrato distribuzione di stress simile in condizioni di carico identiche. In ciascun gruppo, il dente restaurato in oro ha evidenziato il massimo stress di von Mises, seguita dalla ceramica e dal composito. La sollecitazione massima di von Mises a carico della dentina è stata trovata nel gruppo IE (16.73 MPa), 5 volte superiore al massimo valore trovato nel gruppo OV (2,96 MPa). Le tensioni più alte, verificatesi al piano della preparazione e in corrispondenza della regione cervicale erano nel gruppo IE. L’area di concentrazione dello stress nel gruppo IE era anche la più grande.

Conclusioni: I risultati indicano che il trattamento endodontico causa una concentrazione maggiore dello stress dentinale rispetto ai denti vitali, ma che un corretto restauro può ridurre al minimo questa tensione. Nei modelli, i valori di sollecitazione di von Mises aumentano con l’aumento del modulo elastico del materiale di restauro.

Gli onlay in composito hanno mostrato la migliore performance nel minimizzare le tensioni interne. Essendo gli stress interni indicatori di un’iniziale frattura del restauro, gli onlay in resina composita sembrano ripristinare una migliore integrità strutturale.

Fonte:

Stress distribution in molars restored with inlays or onlays with or without endodontic treatment: a three-dimensional finite element analysis.

Jiang W, Bo H, Yongchun G, LongXing N.

J Prosthet Dent. 2010 Jan;103(1):6-12. doi: 10.1016/S0022-3913(09)60206-7.

Gli Intarsi: qualità e ottimizzazione dei tempi  guarda in anteprima gratuita l' estratto

Le forze su intarsi inlay e onlay, in denti vitali e devitalizzati - Ultima modifica: 2015-03-27T08:33:42+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome