La valutazione del rischio di carie: metodi a disposizione dei clinici nell’individuazione delle carie

Dentist studying an x-ray cbct

Il lavoro di oggi pone attenzione sull’inadeguatezza dell’indagine radiografica nell’individuazione delle cosiddette “lesioni nascoste” della dentina occlusale, discutendo sulle alternative disponibili al momento.

Si ipotizza che le lesioni occlusali inizino sulle pareti del solco e possono quindi essere nascoste dai dei tessuti sani superficiali. Inoltre, vi è prova che uno degli effetti dell’uso regolare di fluoruri è la maggiore opacità dello smalto, che può oscurare le sottostanti lesioni della dentina, chiamate “lesioni occulte”. Le radiografie endorali sono inadeguate a rilevare carie nelle superfici occlusali fino a quando la lesione è ormai passata attraverso lo smalto e giunta fino alla dentina. Il clinico si basa sull’osservazione visiva della struttura e sulla discromia, su di un giudizio clinico derivante dall’esperienza, e sul senso del tatto attraverso il sondaggio.

Un metodo di rilevamento obiettivo che integri la valutazione visiva tradizionale è quello utilizzato per arrivare a decidere su come gestire la lesione cariosa: con una terapia invasiva od un approccio non invasivo, più conservativo. Un monitoraggio longitudinale obiettivo e affidabile della risposta della lesione alle misure preventive consente la scelta di una terapia appropriata prima che la lesione progredisca ad una fase in cui è inevitabile un trattamento invasivo.

Pubblicità

Questo articolo discute il problema della mancanza di metodi clinici adeguati per l’individuazione e la quantificazione delle lesioni cariose. Alcuni metodi disponibili in commercio sono descritti (il metodo quantitativo a fluorescenza indotta, il dispositivo DIAGNOdent, ed il monitor elettrico per carie) ed alcune nuove tecniche sono invece menzionate.

Fonte:

Caries risk assessment: methods available to clinicians for caries detection.

Tranaeus S1, Shi XQ, Angmar-Månsson B.

La valutazione del rischio di carie: metodi a disposizione dei clinici nell’individuazione delle carie - Ultima modifica: 2015-02-17T13:30:00+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome