L’ozono (O3) è una forma triatomica dell’ossigeno, dotata di un peso molecolare di 47,98 g/mol. Termodinamicamente, si tratta di una molecola instabile, 1,6 volte più densa e 10 volte più idrosolubile dell’ossigeno. Ha un’emivita di 40 minuti a 20°C, il che lo rende difficile da immagazzinare. Pur non essendo una molecola radicale (durante la produzione vi sono passaggi che prevedono la formazione di radicali), è il terzo ossidante più potente dopo il fluoro e il persolfato. Tali caratteristiche gli conferiscono un potenziale biologico importante: usato come agente antimicrobico contro batteri, virus, funghi e protozoi, è infatti 1,5 volte più efficace del cloruro.
La storia dell’impiego dell’ozono in campo medico inizia praticamente con la medicina contemporanea: scoperto da Schönbein nel 1839, la prima applicazione medica risale al 1870, a opera di Lender. A meno di un secolo dalla scoperta, trovava impiego nel trattamento di più di cento patologie differenti, e l’odontoiatra svizzero Fisch riferiva di impiegarlo regolarmente nella propria pratica. L’ozono può essere applicato ai tessuti orali in tre forme: come gas (miscelato all’ossigeno), come acqua ozonizzata o anche come olio d’oliva ozonizzato, forma di delivery ideale.

Continua a leggere su DM Club,
la sezione premium de Il Dentista Moderno

Registrati al sito e accedi subito ad una selezione di articoli free come questo, indicati con il logo DM CLUB Free Premium CREA UN ACCOUNT

Fai già parte del DM Club?

Abbonati a Il Dentista Moderno per accedere a tutti gli altri contenuti e vantaggi riservati agli abbonati.

Impiego clinico dell’ozono in odontoiatria - Ultima modifica: 2021-12-14T08:33:55+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome