La cementazione provvisoria delle corone su impianto: caratteristiche e metodiche per la sua rimozione

Figura 1. Legenda: Loading = carico; Crown made with gold alloy for porcelain bonding = corona in lega aurea per adesione alla ceramica; Acrylic resin block = support in resina acrilica; Specimen holder = portacampioni.

La ritenzione di corone fissate ad abutment implantari con cementi provvisori

Nagasawa Y, Hibino Y, Nakajima H. Dental Materials Journal 2014;33(6):835-44.

Lo scopo di questo studio di laboratorio è stato quello di esaminare la forza di ritenzione di corone su impianti, fissate con diversi tipi di cementi provvisori, a 7 e a 28 giorni dopo la cementazione, e i rapporti tra le forze di ritenzione e le resistenze meccaniche (alla compressione e al taglio) dei cementi in questione.

Pubblicità

L’impianto dentario è diventato una promettente scelta per la riabilitazione protesica negli ultimi dieci anni. Alcuni studi clinici hanno riferito che le protesi parziali fisse su denti naturali hanno una durata media che va dai 5 ai 13 anni, mentre le protesi fisse su impianti hanno dimostrato un tasso di sopravvivenza superiore al 90% a 10 e a 15 anni. Questi risultati suggeriscono che i trattamenti protesici con impianti dentali sono paragonabili alle procedure protesiche tradizionali. Il cemento utilizzato per protesi su impianti deve fornire sufficiente ritenzione della sovrastruttura al moncone, ma anche consentire il recupero della sovrastruttura dal moncone qualora fosse necessario. Per soddisfare questi requisiti, nei casi di implantologia può essere favorevole provvedere a una cementazione con materiali provvisori. Sei diversi cementi provvisori disponibili in commercio sono stati utilizzati in questo studio:

• HY-Bond cemento Temporary Soft (A, cemento policarbossilato, Shofu, Kyoto, Giappone);

• HY-Bond cemento provvisorio (Hard) (B, cemento policarbossilato, Shofu, Kyoto, Giappone);

• Freegenol pacchetto temporanea (C, pasta mix-tipo senza eugenolo, GC, Tokyo, Giappone);

• Temp di Bond NE (D, pasta di mix-tipo senza eugenolo, Kerr, Orange, CA, USA);

• Temp Bond (E, pasta di mix-tipo con eugenolo, Kerr, Orange, CA, USA);

• cemento eugenolo (F, cemento ossido di zinco-eugenolo, GC, Tokyo, Giappone).

Figura 1.  Legenda: Loading = carico; Crown made with gold alloy for porcelain bonding = corona in lega aurea per adesione alla ceramica; Acrylic resin block = support in resina acrilica; Specimen holder = portacampioni.
Figura 1. Legenda: Loading = carico; Crown made with gold alloy for porcelain bonding = corona in lega aurea per adesione alla ceramica; Acrylic resin block = support in resina acrilica; Specimen holder = portacampioni.

10 corone sono state cementate ai monconi utilizzando ogni cemento sopracitato e sono state calcolate le loro forze di ritenzione agli abutment a 7 e a 28 giorni dopo la cementazione con le modalità illustrate nella Figura 1. I risultati ottenuti sono stati i seguenti: la forza di ritenzione dei cementi per monconi varia ampiamente tra i vari prodotti (tra 27e 109 N, a 7 giorni, e tra 18 e 80 N, a 28 giorni). La forza di ritenzione di tutti i cementi non si è ridotta con il tempo trascorso, tranne per due prodotti testate. Il cemento policarbossilato e i cementi privi di eugenolo hanno rivelato paragonabile forza di ritenzione dopo 28 giorni. I cementi di tipo in polvere-liquido hanno mostrato una correlazione positiva (p <0,05) tra la forza di ritenzione e la resistenza al taglio, mentre è stata ottenuta una correlazione negativa (p <0,05) per i cementi a due paste tra la forza di ritenzione e la resistenza alla compressione.

Implicazioni cliniche

Da questo studio emerge la considerazione che la resistenza meccanica di cementi temporanei non deve essere ritenuta un fattore determinante per la previsione della durata della cementazione delle corone su abutment implantari.

La forza ritentiva dei cementi in implantologia in relazione ai vari metodi di rimozione dei cementi provvisori dagli abutment implantari

Eun-Cheol Keum, Soo-Yeon Shin. J Adv Prosthodont 2013;5(3):234-40.

Questo studio ha valutato l’efficacia di vari metodi per la rimozione del cemento provvisorio dai pilastri implantari e l’effetto che queste tecniche possano avere sulla ritenzione della protesi durante la cementazione definitiva.

Quaranta pilastri implantari prefabbricati (GS rigido abutment, OSSTEM Implant Co., Seoul, Corea) con un diametro di 5,0 millimetri, una lunghezza di 5,5 mm e un cono di 6° sono stati utilizzati in questo studio. Sono stati poi realizzati dei blocchi di resina acrilica autopolimerizzante (Ortho-Jet, Lang Dental Mfg Co., Wheeling, IL, USA) di dimensioni di circa 6 x 10 × 20 mm in modo da permettere il fissaggio agli analoghi e all’impianto (Osstem Implant Co., Seoul, Corea) come mostrato nella Figura 1.

Figura 1.
Figura 1.

Le quaranta corone sono state divise in 4 gruppi, ciascuno formato da 10 impianti. I provini del Gruppo A sono stati cementati direttamente con il cemento definitivo (Cem-Implant). I restanti campioni sono stati cementati con cemento provvisorio (Temp-Bond NE) e classificati secondo il metodo per la pulizia degli abutment. Nel Gruppo B gli autori hanno utilizzato per la pulitura degli abutment una curette di plastica e una garza bagnata, mentre nel Gruppo C si è usata una coppetta di gomma con la pomice e nel Gruppo D è stata utilizzata una tecnica di abrasione di particelle in sospensione d’aria. I pilastri sono stati osservati utilizzando uno stereomicroscopio dopo aver rimosso il cemento provvisorio. La resistenza alla trazione è stata misurata dopo la cementazione definitiva. L’analisi statistica è stata effettuata utilizzando l’analisi a senso unico dei test di varianza (α = .05). I risultati ottenuti dagli autori sono stati i seguenti: nel Gruppo B sono stati trovati chiaramente residui di cemento provvisorio, mentre gli altri Gruppi non hanno mostrato quasi alcuna traccia residua di cemento. I Gruppi A e B hanno mostravano una superficie relativamente liscia, mentre una maggiore rugosità è stata osservata nel gruppo C e una rugosità apparente è stata rilevata nel Gruppo D. Le prove di resistenza alla trazione corrispettive hanno rivelato che il Gruppo D aveva significativamente una più alta forza di adesione alla trazione seguita dai Gruppi C, A e B.

Implicazioni cliniche

In base a questo studio l’odontoiatra deve tenere in considerazione che una curette di plastica e una garza bagnata da sole non possono rimuovere efficacemente tutto il cemento provvisorio residuo dall’abutment e che la ritenzione definitiva delle corone cementate con materiali definitivi aumenta quando gli abutment sono stati ripuliti con la coppetta in gomma e la pomice o mediante la tecnica di abrasione ad aria per rimuovere il cemento provvisorio.

La cementazione provvisoria delle corone su impianto: caratteristiche e metodiche per la sua rimozione - Ultima modifica: 2015-03-17T09:22:45+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome