Infezione da EBV e parodontite cronica

Il Virus dell’Epstein-Barr (EBV) è molto diffuso e responsabile di infezioni croniche umane associate a varie neoplasie, alterazioni funzionali del sistema immunitario e malattie orali. La cavità orale è il sito di ingresso e di uscita dell’infezione da EBV e la concentrazione virale nella saliva può variare da bassi ad alti livelli. Numerosi studi basati sulla PCR hanno stabilito che l’EBV-DNA è comunemente associato alla periodontite cronica, una comune malattia infiammatoria riconosciuta come una delle principali cause di perdita dei denti.

Nella parodontite cronica il riassorbimento dell’osso alveolare e l’approfondimento del solco gengivale portano alla formazione di una tasca parodontale (PP) la cui profondità è correlata con la progressione della malattia. Curiosamente, la quantità di DNA di EBV rilevata nelle tasche parodontali è correlata con la gravità della malattia. Tuttavia è ancora azzardato dimostrare che l’EBV si replica attivamente nei tessuti parodontali, ma se così fosse quali cellule parodontali sono infette e quali meccanismi patogenetici potrebbe essere coinvolti?

In questo studio si è ipotizzato che gli epiteli parodontali, la linea del solco gengivale e l’attacco gengivale, vale a dire l’epitelio sulculare (SE) e l’epitelio giunzionale (JE), potrebbero rappresentare possibili bersagli per l’EBV. Utilizzando un metodo semplice, non chirurgico, per analizzare il tessuto parodontale, dimostriamo per la prima volta non solo una diffusa infezione gengivale da EBV del parodonto (PECS) durante la parodontite cronica, ma, inaspettatamente, un basso ma rilevabile livello di infezione da EBV del solco sano.

Pubblicità

Inoltre, si osserva che il livello di infezione di EBV è correlato con lo sviluppo della parodontite cronica e promuove danni cellulari che possono aggravare le condizioni infiammatorie locali. In tessuti infiammati, le tasche parodontali infettate con EBV sembrano essere inclini all’apoptosi e alla produzione di grandi quantità di CCL20, una chemochina infiammatoria fondamentale che controlla l’infiltrazione dei tessuti da parte delle cellule immunitarie. La scoperta del fatto che l’epitelio parodontale è un importante sito di infezione EBV latente getta una nuova luce sulla persistenza di EBV in portatori sani e sul ruolo di questo virus ubiquitario nella periodontite. Inoltre, l’identificazione di questo sito facilmente accessibile dall’infezione latente può incoraggiare a nuovi approcci per analizzare e monitorare altri disturbi EBV-associati.

Autori:

Séverine Vincent-Bugnas,
Sébastien Vitale,
Caroline C. Mouline,
Wafa Khaali,
Yves Charbit,
Patrick Mahler,
Isabelle Prêcheur,
Paul Hofman,
Janet L. Maryanski,
Alain Doglio

PLoS One. 2013; 8(12): e80336

Infezione da EBV e parodontite cronica - Ultima modifica: 2014-01-10T10:14:05+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome