La prevalenza di forme di edentulia nei soggetti con diabete di tipo 2 è elevata e correlata a una maggiore incidenza di parodontite e ulteriori patologie. L’incidenza della malattia diabetica è in aumento. A ciò corrisponde un’aumentata domanda di riabilitazioni implantari, possibilmente in associazione con protocolli protesici rapidi, come ad esempio il carico immediato.

D’altra parte, gli stessi pazienti si trovano tuttavia soggetti a un aumentato rischio di malattie o complicanze perimplantari. La patologia metabolica può influenzare negativamente l'osteointegrazione: gli osteoblasti mostrano un’attività metabolica ottimale in condizioni di glicemia controllata e a bassi livelli di prodotti avanzati di glicazione. Le medesime condizioni sono richieste anche per minimizzare il riassorbimento osseo, soprattutto quando il processo di osteointegrazione avviene sotto carico occlusale funzionale. Inoltre, l'iperglicemia cronica può peggiorare il processo di guarigione dei tessuti molli e duri perimplantari a causa della vasculopatia, della guarigione ritardata e della predisposizione alle infezioni locali

Diversi studi hanno valutato l’indicazione al carico immediato nel paziente diabetico: a questo proposito, Andrade e colleghi hanno deciso di valutare le evidenze disponibili, a riguardo, in letteratura, attraverso il metodo della revisione sistematica.

Pubblicità

La ricerca, che è stata pubblicata recentemente su Clinical Oral Investigations, ha coinvolto le banche dati PubMed, Cochrane, BVS, Web of Science, Scopus e LIVIVO. Al netto dei doppioni, gli autori hanno selezionato 2210 record: di questi, i revisori ne hanno selezionati 49 studi per l'analisi full-text. Tra questi, solo 7 studi sono stati considerati adatti per l'analisi qualitativa; 5 di essi soddisfacevano i criteri per l'analisi quantitativa meta-analisi). Tali 5 lavori scientifici sono stati tutti considerati a basso rischio di bias; i limiti principali sono legati alle strategie impiegate per affrontare i fattori confondenti e la scelta delle analisi statistiche appropriate. Tutti gli studi contemplavano un gruppo controllo di pazienti non diabetici o sottoposti a carico convenzionale.

I risultati dello studio attestano l’assenza di differenze statisticamente significative, per quanto riguarda la sopravvivenza, di impianti dentali a carico immediato, tra individui non diabetici e soggetti con diabete di tipo 2. Non sono emerse differenze rilevanti tra gruppi anche per quanto concerne la perdita di osso marginale.

La revisione ha pertanto concluso affermando che. Nel rispetto dei protocolli chirurgici e protesici e fermo restando il ruolo imprescindibile dell’igiene orale, il carico immediato non è controindicato nei pazienti diabetici e, anzi, rappresenta un trattamento sicuro. Gli autori hanno comunque auspicato l’ulteriore ampiamento delle evidenze, possibilmente mediante la messa in atto di studi omogenei a quelli considerati.

Riferimenti bibliografici a proposito del trattamento del paziente diabetico

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34586502/

Indicazione al carico immediato nel paziente diabetico - Ultima modifica: 2021-10-11T14:44:41+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome