Il percorso giallo del congresso internazionale AIO

Dal 15 al 17 giugno a Chia si terranno tre giornate all’insegna dell’odontoiatria “protettiva”: vedere i canali dentari al microscopio, risparmiare i tessuti il più possibile, conservarli, tenerli al riparo dalle infezione.

Potremmo chiamare odontoiatria protettiva quella al centro del percorso giallo che si snoda per tutto l’arco del 9° Congresso Internazionale dell’Associazione Italiana Odontoiatri dal 15 al 17 giugno a Chia e porta 23 crediti ECM

Di seguito, riportiamo il programma delle tre giornate di congresso.

Pubblicità

Giovedì 15

Il 15 mattina verrà dato il via con Stephan Simon, Université Diderot di Parigi, che spiega come si siano evolute le tecnologie di detersione e riempimento del sistema canalare fino alla wave one gold, che tra le competenze dell’endodontista riporta nozioni di biologia e farmacologia. Focus quindi sull’anatomia dei canali radicolari con Denise Pontoriero docente all’Università di Genova ed esperta di odontoiatria micro invasiva, e Giancarlo Pongione di Roma che tratta di approccio biomimetico in restauri adesivi.

Venerdì 16

Inizia il 3° simposio congiunto con la Società Italiana di Endodonzia, dove si analizzano le diverse strumentazioni e la scelta dei rotanti NichelTitanio più idonei per l’anatomia canalare da sagomare. Protagonisti Elio Berutti, presidente del corso di laurea in odontoiatria dell’università di Torino, e Damiano Pasqualini, dirigente dell’Ospedale San Giovanni Battista Molinette, che si occupa di trattamenti mininvasivi in armonia con le diverse anatomie endodontiche. Il berlinese Oskar Von Stetten, “inviato” della Fédération Dentaire Internationale, illustrerà il significato del minimamente invasivo e l’uso dei microscopi in chirurgia per preservare strategicamente i tessuti. Scendendo nel dettaglio: trattamento microinvasivo del dolore, recenti trend della ricerca tedesca in endodonzia, traumatologia e conservativa. Al pomeriggio segue la sessione di odontoiatria estetica e restaurativa a cura di Lorenzo Vanini visiting professor Université de la Mediterranee di Marsiglia e Uic di Barcellona. Coautore, con Camillo D’Arcangelo, del nuovo libro “estetica, funzione e postura”, Vanini introduce la sfida Italia-Brasile al centro dell’ultima giornata, il sabato, parlando di come riprodurre il colore con i compositi e le ceramiche nei settori anteriori.

Sabato 17

Si continua oltre la teoria dei colori di Munsell. In odontoiatria entrano fattori al di là della definizione colorimetrica classica (intensivi, opalescenze, caratterizzazioni), e altri legati all’interazione luce-smalto. Tra gli odontoiatri italiani più esperti in questo campo, Francesco Mangani, docente di restaurativa a Roma Tor Vergata, aperta giornata trattando di costi-benefici nel restauro dei denti anteriori e posteriori tra biologia, funzione ed estetica. Prima di lui, espongono Vincenzo Musella, di Modena, autore del libro “Moderna odontoiatria estetica workflow dalla a alla z” (edito da Quintessenza), e Marco Veneziani, che illustra le opzioni adesive per le riabilitazioni estetiche dei settori anteriori. Risponde il Brasile con la tecnologia di Paulo Kano, direttore dell’IPK Institute di Sao Paulo ed autore del libro “Challenging nature”, nonché ideatore dello skyn concept con l’architetto Livio Yoshinaga, che a sua volta tratterà di bilanciamento arte-tecnologia in odontoiatria digitale. Kano illustrerà i nuovi restauri in ceramica che combinano predittività e pratica nel replicare la naturale morfologia dentale e, per faccette, corone o riabilitazioni, oggi possono giovarsi del Cad/Cam.

E’ possibile iscriversi al congresso in maniera agevolata ad un prezzo speciale grazie alla collaborazione tra AIO e Il Dentista Moderno; per iscriversi al congresso e abbonarsi alla rivista, è necessario consultare questi link:

Il percorso giallo del congresso internazionale AIO - Ultima modifica: 2017-04-24T07:58:04+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome