I calcoli delle pensioni e le avvertenze per i giovani

«C’è un problema di adeguatezza delle pensioni future di chi entra oggi nel mercato lavoro », così afferma il ministro del lavoro Enrico Giovannino che rincara la dose: «Se non cresce l’economia, la pensione non è assicurata per nessuno. Tutto lo sforzo deve essere dedicato ad aumentare il tasso di crescita e di occupazione».

Le riforme della previdenza messe in campo porteranno, tra il 2012 ed il 2042, a un risparmio di 480 miliardi di euro (circa lo 0,8% del Prodotto Interno Lordo annuo). Nonostante queste misure i giovani non possono godere di quella certezza che i loro genitori potevano vantare.

Ė stata innalzata l’età pensionabile in proporzione all’aumento della vita media, si è passati al sistema contributivo (meno generoso per i giovani), sono state bloccate in diverse occasioni le rivalutazioni; tutto ciò ha garantito tagli netti nella spesa previdenziale.

Pubblicità

Il futuro però presenta un problema di inadeguatezza delle pensioni: si paventa un panorama di cittadini con pensione minima calcolata integralmente secondo il sistema contributivo (per coloro che hanno iniziato l’attività lavorativa dopo il 1995).

I calcoli delle pensioni e le avvertenze per i giovani - Ultima modifica: 2013-12-19T08:00:44+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome