Gestione della distalizzazione canina con le mini-screw in un trattamento ortodontico SW MBT estetico per terapia implantare Z1 connect TBR – Case report

Riassunto
Il caso in esame descrive la riabilitazione ortodontica-implanto-protesica di una soggetta giovane caucasica, terza classe scheletrica e dentale con contrazione del mascellare anteriore e agenesia dei due incisivi laterali. La tecnica ortodontica straight-wire MBT di espansione dentale e gestione dello spazio intra-arcata è durata circa 18 mesi con l’aiuto del posizionamento di miniscrew ortodontiche. La tecnica implantare TBR selezionata è stata quella con l’impianto misto titanio-zirconio a carico immediato e particolare attenzione è stata fatta nella gestione dei tessuti perimplantari tramite l’utilizzo si protesi provvisorie. Corone in zirconio ceramica sono state utilizzate per finalizzare il caso.

Summary
Canine distalization management with mini-screw in aesthetic orthodontic treatment SW MBT for implant therapy Z1 connect TBR – Case report
The case we are analysing describes the orthodontic-implant-prosthetic restoration of a young caucasian female patient, skeletal and dental class III with contraction of the anterior sector of the maxillary arch and bilateral lateral incisor agenesis. The MBT straight-wire orthodontic dental expansion and interarch space management technique took around 18 months using orthodontic miniscrews. The implant technique chosen was the TBR Z1-Connect zirconia-titanium implant with immediate loading. Special attention was paid to the management of peri-implant tissues via temporary prosthetic restoration.
Zirconia ceramic crowns have been used in order to complete the case.

Il successo clinico del posizionamento dell’impianto dentale dipende dalla qualità e dalla velocità di osteointegrazione1. Dal 1980, la topografia di superficie dell’impianto è stata studiata per essere uno dei cinque principali fattori di osteointegrazione, oltre alla biocompatibilità del materiale impiantato, alla forma dell’impianto, alla tecnica chirurgica applicata e alle condizioni di carico3,4. Albrektsson e al. (1981) hanno affermato che l’osteointegrazione dipende essenzialmente dalla topografia della superficie dell’impianto, e più precisamente dalla sua composizione chimica, dalla sua energia di superficie, dalla sua bagnabilità e dalle sue asperità2,5. Fino a oggi, l’integrazione gengivale ideale di un impianto è stata quella in cui sono state controllate le varie componenti biologiche e i vincoli da superare. È stato dimostrato che lo zirconio è un biomateriale di scelta e ha tutte le proprietà combinate necessarie per un’integrazione gengivale simile a quella in natura in termini di istologia, composizione biologica, nonché in termini di estetica “creeping attachment”8,9.

Pubblicità
1. Teleradiografia iniziale.
1. Teleradiografia iniziale.
2. Ortopantomografia iniziale.
2. Ortopantomografia iniziale.

Scopo di questo lavoro è quello di valutare se la procedura TBR in 1-fase chirurgica impianto trasmucoso con colletto in zirconio è conforme a tali criteri in un arco di tempo relativamente breve (sei mesi).

Materiali e metodi

Gli autori hanno selezionato un caso-studio per valutare l’effettiva efficacia di un impianto con colletto transgengivale in zirconio. È stata selezionata una giovane paziente di 25 anni, caucasica, con malocclusione di terza classe scheletrica, agenesia degli incisivi laterali superiori, lieve deficit osseo della premaxilla anteriore (Figure 1-2). È stato eseguito un trattamento ortodontico con tecnica SW MBT (slot 0,022×0,028 attacchi in monocristallo di zaffiro) (Figure 3-8).

3. Immagini iniziali del caso.
3. Immagini iniziali del caso.
4. Trattamento ortodontico SW MBT a 4 mesi.
4. Trattamento ortodontico SW MBT a 4 mesi.
5. Trattamento ortodontico SW MBT a 5 mesi.
5. Trattamento ortodontico SW MBT a 5 mesi.
6. Trattamento ortodontico SW MBT a 7 mesi.
6. Trattamento ortodontico SW MBT a 7 mesi.

L’apertura dello spazio in zona 12 e 22 è stata fatta in tempo celere, con meccanica di distalizzazione, grazie all’utilizzo di due miniviti ortodontiche inserite in zona premolare superiore destra e sinistra. Al 13° mese è stato eseguito intervento implantare in zona 12 e 22 con impianti Z1 Connect TBR® L 13 mm, D 4 mm, H colletto zirconio 1,5 mm, e inserimento di protesi provvisoria a carico immediato (Figure 9-11). Il 17° mese è stato ultimato il caso ortodontico e nel 18° è stato finalizzato con due corone estetiche. Il controllo radiografico e fotografico è stato eseguito al 24° mese (Figure 12-14).

7. Opt a 4 mesi.
7. Opt a 4 mesi.
8. Opt a 7 mesi.
8. Opt a 7 mesi.

Discussione e conclusioni

Welander et al. hanno affermato che lo zirconio offre condizioni ambientali che favoriscono l’attaccamento epiteliale12. Il caso selezionato dagli autori oltre alla difficoltà estetica di un settore edentulo per agenesia presentava evidenti difficoltà di carico in quanto risultava essere un soggetto affetto da malocclusione di classe 3a scheletrica.

9. Trattamento ortodontico SW MBT a 8 mesi. 10. Trattamento ortodontico SW MBT a 10 mesi. 11. Inserimento impianti, tecnica 1-fase TBR impianto trasmucoso con colletto in zirconio con corone provvisorie a 13 mesi.
9. Trattamento ortodontico SW MBT a 8 mesi.
10. Trattamento ortodontico SW MBT a 10 mesi.
11. Inserimento impianti, tecnica 1-fase TBR impianto trasmucoso con colletto in zirconio con corone provvisorie a 13 mesi.

È stata presa però in considerazione puramente la parte estetica dell’impianto trasmucoso con colletto in zirconio a sei mesi dalla consegna protesica. Nel caso di un posizionamento dell’impianto in 1-fase, i tessuti molli sono a diretto contatto con la parte esposta dell’impianto. C’è solo una guarigione di prima intenzione, entrambi in un momento: la guarigione dell’osso attorno al titanio e la gengiva a contatto con l’anello in zirconio impianto TBR®.

12. Immagine frontale iniziale.
12. Immagine frontale iniziale.
13. Immagine frontale con la consegna delle corone in zirconio ceramica a 18 mesi.
13. Immagine frontale con la consegna delle corone in zirconio ceramica a 18 mesi.

Il collo dell’impianto è esposto al cavo orale. Il moncone protesico può quindi essere posizionato direttamente e non è necessaria nessuna operazione supplementare. Fino a oggi, l’integrazione gengivale ideale di un impianto è stata quella in cui sono state controllate le varie componenti biologiche e i vincoli da superare. Grazie a un sistema a 1-fase chirurgica con un colletto transgengivale in zirconio, quest’integrazione diventa altamente riproducibile6,11. È stato dimostrato che lo zirconio è un biomateriale di scelta e ha tutte le proprietà combinate necessarie per un’integrazione gengivale simile a quella in natura in termini di istologia, composizione biologica, nonché in termini di estetica “creeping attachment”8,9.

14. Radiografie finali di controllo a 24 mesi.
14. Radiografie finali di controllo a 24 mesi.

Dal caso analizzato sembra che la procedura TBR in 1-fase chirurgica, impianto trasmucoso con colletto in zirconio, sia conforme a tali criteri al fine di ottenere un restauro dentale completo, duraturo e affidabile con finiture tali da rispondere agli standard estetici e di biocompatibilità7,10.

Risultati

Dal caso illustrato, sebbene sia un case report, si possono evincere i seguenti risultati: una corretta programmazione ortodontica e gestione dello spazio permettono un razionale ausilio nella scelta della componente implantare più idonea a finalizzare i casi estetici; la tecnica one step (1-fase) di inserimento implantare zirconio e titanio e corone provvisorie permette una gestione tranquilla e sicura dei tessuti molli peri-implantari in termini di biocompatibilità e di risultati estetici.

Corrispondenza
Brogna Dr. Carlo
Viale degli Astronauti 45 – Montemiletto AV
c.brogna@libero.it

Bibliografia
1. Le Guéhennec L, Soueidan A, Layrolle P, Amouriq Y. Surface treatments of titanium dental implants for rapid osseointegration. Dent Mater 2007;23(7):844-54.
2. Dohan Ehrenfest DM, Coelho PG, Kang B, Sul Y, Albrektsson T. Classification of osseointegrated implant surfaces: materials, chemistry and topography. Trends in Biotechnology 2010;28:198-206.
3. Wenneberg A, Albrektsson T. Effects of titanium surface topography on bone integration. Oral Clinical Implant Research 2009;20(4):174-86.
4. Gineste M, Bitoun F. Faculté de Chirurgie dentaire, Université Paul Sabatier, Toulouse III, 2005.
5. Bornstein MM, Valderrama P, Jones AA, Wilson TG, Seilbl R, Cochran DL. Bone apposition around two different sandblasted and acid-etched titanium implant surfaces: a histomorphometric study in canine mandibles. Clin Oral Implants Res 2008 Mar;19(3):233-41.
6. Rompen E, Domken O, Degidi M, Farias Pontes AE, Piattelli A. The effect of material characteristics, of surface topography and of implant components and connections on soft tissue integration: a literature review. Clin Oral Implants Res 2006 Oct;17 Suppl 2:55-67.
7. Hermann JS, Schoolfield JD, Schenk RK, Buser D, Cochran DL. Influence of the size of the microgap on crestal bone changes around titanium implants. A histometric evaluation of unloaded non-submerged implants in the canine mandible. J Periodontol. 2001 Oct;72(10):1372-83.
8. Yeung SC. Biological basis for soft tissue management in implant dentistry. Aust Dent J 2008;53 Suppl 1:S39-42.
9. Benhamou A. Aesthetics and implants: the contribution of MCB.. The Journal of Prosthetic1994:63-70.
10. Bianchi AE, Bosetti M, Dolci G Jr, Sberna MT, Sanfilippo F, Cannas M. In vitro and in vivo follow up of titanium transmucosal implants witha zirconia collar. J. Applied Biomat & Biomechanics 2004;2.
11. Degidi M, Piatelli A, Shibli JA, Perrotti V, Lezzi G. Bone formation around immediately loaded and submerged dental implants with a modified sandblasted and acid-etched surface after 4 and 8 weeks: a human histologic and histomorphometric analysis. Int J Oral Maxillofac Implants 2009 Sep-Oct;24(5):896-901.
12. Welander M, Abrahamsson I, Berglundh T. The mucosal barrier at implant abutments of different materials. Clin Oral Impl Res 2008;19:635- 641.
Gestione della distalizzazione canina con le mini-screw in un trattamento ortodontico SW MBT estetico per terapia implantare Z1 connect TBR – Case report - Ultima modifica: 2015-07-05T11:11:22+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome