Endodonzia: 9 regole per un facile accesso al sistema canalare

In endodonzia come in qualsiasi altra disciplina medica il primo step è rappresentato da una corretta anamnesi e raccolta dati; successivamente andrà rivolta l’attenzione ad alcune valutazioni, fondamentale prodromo alla terapia:

1. Analisi della richiesta del paziente;

2. Segni, sintomi e loro evoluzione temporale;

Pubblicità

3. Esame clinico extra ed intra-orale;

4. Prove cliniche e radiografiche;

5. Correlazione tra i dati dell’esame clinico e strumentale con i riscontri soggettivi del paziente;

6. Formulazione della diagnosi;

7. Programmazione del piano di trattamento.

A questo punto prima di intervenire con la terapia canalare è indispensabile valutare l’anatomia calandre dell’elemento da trattare .

Eseguiamo delle radiografie endorali, e in questa fase focalizziamo la nostra attenzione sulle strutture anatomiche presenti nel radiogramma esaminando la profondità, morfologia e estensione della camera pulpare, la forma, le dimensioni, il numero delle radici la curvatura dei canali presenti all’interno di ciascuna di esse; i rapporti anatomici del dente con le strutture adiacenti, particolare attenzione andrà posta al nervo alveolare inferiore, al seno mascellare, ecc. Un attenzione di gran lunga superiore andrà posta alle strutture potenzialmente danneggiabili, quando si prevede di dover eseguire un’apicectomia a corredo del trattamento canalare.

La lunghezza di lavoro approssimativa viene poi misurata sovrapponendo i nostri strumenti endodontici al radiogramma. Le immagini radiografiche ci possono anche rivelare la presenza di varianti anatomiche come ad esempio dens in dente, apici beanti, radici soprannumerarie, pulpoliti

Per eseguire un corretto trattamento endodontico è indispensabile conoscere a fondo l’anatomia del sistema canalare.

Esistono purtroppo alcuni limiti delle determinazioni eseguite con tale metodica, infatti permane l’impossibilità di determinare con precisione le misure reali dei denti e di strutture specifiche, la difficoltà di valutazione dei rapporti tridimensionali degli elementi dentali con le strutture vicine, l’impossibilità di osservare informazioni relative ai tessuti molli.

Video di apertura e preparazione canalare:

YouTube: please specify correct url

Video uploaded on Youtube by Ilya Mer

A questo punto per ottenere un corretto accesso alla camera pulpare, oltre ad adoperare gli strumenti adatti nel modo corretto, possiamo ricorrere ad alcune regole che segnala l’Accademia Italiana di Endodonzia:

1.La legge della Centralità : La legge della centralità afferma che la camera pulpare è sempre al centro del dente a livello  della giunzione amelo-cementizia

2.La legge della Concentricità: La  legge  della  concentricità  afferma  che  le  pareti  della  camera  pulpare    sono  sempre concentriche alla superficie esterna della corona a livello della GAC

3.La legge della G.A.C.: La  legge  della  GAC  afferma  che  a  livello  della  GAC  la  camera  è  posta  al  centro  ed  è concentrica rispetto la superficie esterna del dente

4.La legge del cambio di colore: La  legge  del  cambio  del  colore afferma  che  il  pavimento  della  camera  pulpare è sempre più scuro rispetto alle pareti camerali che risultano di un colore più chiaro.

5.La prima legge della simmetria (non riguarda i molari superiori) : La  prima  legge  della simmetria-  che  non  riguarda  i  molari  superiori-  afferma  che  gli imbocchi  dei  canali  sono  equidistanti  da  una  linea  disegnata  in  senso mesio-distale al centro del pavimento della CP

6.La seconda legge della simmetria(non riguarda i molari superiori):La  seconda  legge  della  simmetria-  che  non  riguarda  i  molari  superiori-  afferma  che  gli imbocchi dei canali si trovano perpendicolari ad una linea disegnata in senso mesio-distale al centro del pavimento della CP

7.La prima legge dell’orificio canalare: gli imbocchi sono sempre al passaggio tra parete e pavimento

8.La seconda legge dell’orificio canalare: gli imbocchi sono sempre agli angoli della camera pulpare

9.La terza legge dell’orificio canalare : gli imbocchi sono al termine dello sviluppo radicolare

Per una guida completa e precisa è possibile consultare questo link dell’Accademia italiana di endodonzia

Endodonzia: 9 regole per un facile accesso al sistema canalare - Ultima modifica: 2015-11-21T08:15:18+00:00 da redazione

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome