Efficacia dell’associazione di bromelina, serratio-peptidasi, metilsulfonilmetano e vitamina C nel discomfort post-chirurgico dopo estrazione di terzi molari inferiori inclusi Premium

La maneggevolezza e la quasi totale assenza di effetti collaterali candidano questa associazione come ottima alternativa o ausilio aggiuntivo ai classici FANS e corticosteroidi nel trattamento post-operatorio del paziente sottoposto all’estrazione del terzo molare inferiore.

 

Massimo Petruzzi1, Francesco Cantatore2, Rossella Ninivaggi3, Giovanna Maiorano3, Vito Crovace3, Fedora della Vella3

Pubblicità

1Professore Associato
MED-28, Università degli Studi di Bari
2Dirigente Ospedaliero I livello. Clinica Odontoiatrica, Policlinico di Bari
3Odontoiatra, Perfezionamento in Evidence Based Dentistry, Università degli Studi di Bari

Lestrazione dei terzi molari inclusi mandibolari rappresenta una delle procedure chirurgiche più frequenti e al contempo più impegnative per l’odontoiatra. La pianificazione dell’intervento e l’esecuzione tecnica dello stesso sono fasi imprescindibili per il successo chirurgico, ma di non minore importanza è la gestione del paziente nel periodo post-chirurgico. 

Le evenienze da controllare farmacologicamente dopo l’evento chirurgico sono rappresentate dal rischio di infezione del sito estrattivo, dal dolore, dall’edema, dal sanguinamento e dal trisma. L’entità e la frequenza di tali evenienze variano in base all’invasività dell’intervento, alla durata, alle complicanze intraoperatorie e alla presenza di comorbilità proprie del paziente.

Questo contenuto è riservato agli abbonati al Dentista Moderno.

Abbonati e continua a leggere su DM Club, l'area premium del Dentista Moderno

Fai già parte del DM Club?
Efficacia dell’associazione di bromelina, serratio-peptidasi, metilsulfonilmetano e vitamina C nel discomfort post-chirurgico dopo estrazione di terzi molari inferiori inclusi - Ultima modifica: 2019-10-15T09:46:47+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome