Direzione sanitaria: la Camera dice sì alle modifiche sugli obblighi di iscrizione all’Ordine della struttura

Direzione sanitaria

Il 1° aprile è stata approvata alla Camera dei Deputati la «Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione Europea – Legge di delegazione europea 2019-2020».

Tra le modifiche approvate c’è anche quella che interessa la norma Boldi, ovvero la regolamentazione della figura del direttore sanitario.

Nell'emendamento approvato, all'articolo 1, comma 536, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, il secondo periodo è stato infatti sostituito dai seguenti:

Pubblicità

Le strutture sanitarie private di cura si dotano di un direttore sanitario che comunica il proprio incarico all'Ordine territoriale competente per il luogo in cui ha sede la struttura. A tale Ordine territoriale compete l'esercizio del potere disciplinare nei confronti del direttore limitatamente alle funzioni connesse all'incarico.

Tale modifica farebbe dunque venir meno l’obbligo per il direttore sanitario di essere iscritto all’Ordine in cui esercita la struttura di cui ha la direzione.

Si attende ora l’approvazione definitiva al Senato.

Direzione sanitaria: la Camera dice sì alle modifiche sugli obblighi di iscrizione all’Ordine della struttura - Ultima modifica: 2021-04-07T06:19:20+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome