Dentisti sentinella per combattere l’aumento di violenza di genere

DM_il-dentista-moderno_Ghirlanda_studio-dentistico-sicuro.jpg

Una delle conseguenze più subdole del Covid-19 è stato l’aumento di casi di violenza domestica, e anche se non sono ancora stati realizzati studi scientifici sulla situazione italiana, le associazioni di categoria parlano chiaro: nel 2020 le richieste di aiuto sono aumentate del 79,5%, mentre le denunce per maltrattamenti sono diminuite del 43,6%.

Sabrina Santaniello, segretario ANDI Nazionale, ideatrice e responsabile del progetto Dentista sentinella contro la violenza di genere e sui minori, ha commentato questi dati allarmanti, specificando come i dentisti possano avere un ruolo fondamentale nell’intercettare situazioni di abuso.

«La violenza sulle donne non si arresta, anzi è in aumento, come riportano i dati Istat. In particolare nella fase del lockdown, questa pandemia ha avuto l’effetto di detonare situazioni pregresse di violenza e scoperchiarne di nuove. Si tratta di una realtà più volte denunciata: tuttavia, non sempre le istituzioni riescono a intervenire con tempestività. Noi dentisti, grazie a un rapporto fiduciario medico-paziente, durante la nostra attività libero-professionale, possiamo intercettare casi di prepotenze, abusi e maltrattamenti famigliari, riscontrando già nelle lesioni della bocca e dei denti segnali di sopraffazioni, e agire per impedire che questi possano poi trasformarsi in situazioni ancora più complesse da gestire o dal tragico epilogo. Negli ultimi due anni sono stati oltre 3.500 i dentisti che hanno preso parte al corso di formazione a distanza (FAD) realizzato ed erogato da ANDI su questo tema: un dato che conferma l’apprezzamento per un progetto che non solo non si è fermato durante la pandemia, ma continua a essere promosso e sviluppato attraverso la Fondazione ANDI Onlus, braccio operativo dell’Associazione Nazionale Dentisti Italiani sulle tematiche sociali nel territorio.»

Pubblicità

«Si è parlato molto in questi mesi di long COVID, a riguardo dei sintomi di lungo periodo che i pazienti guariti si trovano ad affrontare a volte per mesi» commenta Ferruccio Berto, vicepresidente nazionale e responsabile Commissione Esteri ANDI. «Ma per molti versi forse è il caso di affrontare anche il tema di quello che potremmo chiamare un “deep COVID”, andandoci a interrogare sugli aspetti profondi della malattia, che hanno seguito come un’ombra gli sviluppi clinici della pandemia, andando a colpire le nostre società e la nostra cultura in misure che stentiamo ancora a comprendere del tutto. Il tema della violenza di genere è un tema caro ad ANDI, che con il suo programma di "Dentista sentinella" vuole sensibilizzare i professionisti a questa problematica, molto difficile da individuare e combattere con successo. Ci uniamo quindi all’appello di tante associazioni, nel richiedere che vengano prese tutte le misure necessarie per fermare questa seconda pandemia, meno evidente ma non meno pericolosa di quella che ci stiamo, faticosamente, lasciando alle spalle.»

 

Dentisti sentinella per combattere l’aumento di violenza di genere - Ultima modifica: 2021-07-07T06:27:23+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome