Correzione di inestetismi gengivali con due diverse tecniche chirurgiche Premium

12. Caso finalizzato – 2 anni. Prima

Due tecniche contrapposte tra loro sono applicate nel corso di un unico intervento eseguito sullo stesso paziente per trattare due elementi con recessione apicale, riducendo così la morbilità e il decorso post operatorio.

Dino Azzalin
Libero professionista, Varese

La recessione gengivale è caratterizzata dalla retrazione del tessuto cheratinico in senso apico-radicolare dalla propria sede originaria verso la mucosa alveolare e, di conseguenza, dall’esposizione della radice del dente. Le cause delle recessioni possono essere molteplici: dalla malattia parodontale a manovre di spazzolamento errate o setole dello spazzolino troppo dure, traumi, bruxismo, trattamenti ortodontici incongrui, o lesioni infiammatorie dovute ad accumulo di placca, disturbi alimentari, tipo di parodonto, e così via.
Le indicazioni all’intervento di chirurgia mucogengivale sono sia estetiche che funzionali, in quanto la recessione gengivale può provocare ipersensibilità dentinale e, a lungo andare, può compromettere la stabilità dell’elemento stesso.

Pubblicità

Questo contenuto è riservato agli abbonati al Dentista Moderno.

Abbonati e continua a leggere su DM Club, l'area premium del Dentista Moderno

Fai già parte del DM Club?
Correzione di inestetismi gengivali con due diverse tecniche chirurgiche - Ultima modifica: 2019-10-29T10:37:15+00:00 da monicarecagni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome