Comunicare ai nostri pazienti la composizione dei tessuti parodontali: cemento e osso alveolare

La parodontologia si propone di conservare o ripristinare lo stato di salute dei tessuti di supporto di denti ed impianti, contribuendo così a conservare o migliorare il comfort, la funzione masticatoria, la fonazione e l’estetica dei pazienti.

Dopo aver passato in rassegna i tessuti parodontali molli, vediamo più da vicino i tessuti parodontali duri

  1. Cemento radicolare: è un tessuto calcificato specializzato che ricopre le superfici della radice dei denti, non è innervato e ma presenta vasi sanguigni o linfatici. Viene deposto senza sosta  durante l’intero arco della vita. Come altri tessuti mineralizzati è costituito da fibre collagene contenute in una matrice organica. Le tre componenti principali del cemento sono una organica, una inorganica e l’acqua; la componente organica è formata da collagene, proteine, glicoproteine, e fosfatasi alcalina. La componente inorganica è  i 2/3 ma sono presenti anche tracce di altre sostanze.  Si distinguono principalmente quattro tipi di cemento: acellulare a fibre estrinseche, cellulare a stratificazione mista,cellulare a fibre intrinseche e cemento acellulare afibrillare. Il cemento permette la connessione del dente con le fibre del legamento parodontale, consentendo quindi la distribuzione delle forze che agiscono sul dente.
  2. Osso alveolare: è quella parte delle ossa mascellari che forma e sostiene gli alveoli dentari.E’ caratterizzato da una parte organica e una inorganica. Quest’ultima è quasi completamente idrossido di calcio mentre la componente organica è costituita da fibre collagene tipo I immerse in una sostanza amorfa di glicoproteine e proteoglicani. Lo strato esterno che riveste gli alveoli è composta da osso compatto che rappresenta una sottile lamina dura dove trovano inserzione le fibre del legamento parodontale, mentre l’osso spugnoso la fa da padrone nelle aree tra gli alveoli. Lungo l’osso alveolare proprio corrono numerosi canali di Volkmann, attraverso i quali i vasi sanguigni e linfatici nonché le fibre nervose passano dall’osso alveolare al legamento parodontale. Dal legamento stesso giungono le fibre di Sharpey, spesso mineralizzate, che si inseriscono sulla parte dell’alveolo del dente, dando vita all’osso denominato fascicolato.
Comunicare ai nostri pazienti la composizione dei tessuti parodontali: cemento e osso alveolare - Ultima modifica: 2016-08-10T07:29:39+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome