Ruolo e proprietà nei compositi nella restaurativa indiretta

Le resine composite sono utilizzate quotidianamente nella pratica clinica. Inizialmente le resine composite sono state applicate in restauri diretti, ma a partire dagli anni ’80 restauri indiretti in resina composita(IRC) sono stati introdotti in Odontoiatria . Più tardi, nel 1990, al fine di migliorare le proprietà meccaniche e ottiche una seconda generazione di resine composite indiretto è stato sviluppata con differenze di struttura, composizione, tecnica di polimerizzazione e riempitivo di rinforzo.

Il loro contenuto di riempitivo è molto superiore alla prima generazione di IRC, al fine di migliorare l’elasticità e la resistenza e ridurre la matrice organica, con conseguente ridotta polimerizzazione . Varie tecniche di polimerizzazione che combinano luce, calore, pressione sottovuoto, sono ad oggi utilizzati per consentire un grado di polimerizzazione per le IRC superiore.

Tutto ciò contribuisce a dare ai compositi un ruolo sempre più centrale nella restaurativa in campo odontoiatrico.

Pubblicità

Video-animazione della realizzazione di un intarsio in composito

YouTube: please specify correct url

Video updated on Youtube by VOCO GmbH

Molti trial sono stati fatti in passato per valutare le proprietà delle ricostruzioni indirette in composito. Rispetto ai materiali ceramici, i compositi presentano migliore distribuzione dello stress , riparabilità,  basso costo e facilità di gestione . D’altra parte, mostrano alcune caratteristiche inferiori, come la resistenza e la resa estetica, in quanto sono a lungo termini più inclini a cambiamenti di colore.

I restauri in resina composita possono però vantare rispetto a quelli ottenuti con tecnica diretta una migliore resa estetica, stabilità cromatica migliore e minore sensibilità post-operatoria riscontrata.

La cementazione adesiva di restauri fabbricati con IRC, per mezzo di cementi auto-foto polimerizzanti riduce al minimo il gap marginale e compensa la contrazione da polimerizzazione inevitabile che si ottiene nelle riabilitazioni dirette. Inoltre, è più facile ottenere contatti interprossimali ideali e una morfologia anatomica con restauri indiretti di questo tipo.

Detto brevemente delle caratteristiche che questi materiali presentano nell’uso clinico proponiamo alcuni video tratti dal web che illustrano la realizzazione e le qualità della restaurativa eseguita con queste metodiche.

Studio in laboratorio per realizzare una ricostruzione indiretta in composito:

YouTube: please specify correct url

Video updated on Youtube by Pongsiri Jaikumpun

Caso clinico completo riabilitato con intarsio indiretto in composito

YouTube: please specify correct url

Video updated on Youtube by EmmanuelMMSeminars

Ruolo e proprietà nei compositi nella restaurativa indiretta - Ultima modifica: 2015-10-22T07:00:23+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome