Catene odontoiatriche low cost: l’intervento di Chiara Gribaudo

Catene odontoiatriche Low cost

Si torna a parlare di catene odontoiatriche low cost in odontoiatria, questa volta grazie a un intervento alla camera di Chiara Gribaudo, Deputata e componente della XI Commissione (lavoro pubblico e privato).

«L’esercizio dell’attività professionale in forma societaria non è di per sé un’anomalia» spiega Gribaudo. «È chiaro che, proprio a tutela dei cittadini, va garantito che l’attività odontoiatrica sia esercitata soltanto da soggetti abilitati, vincolati alla deontologia professionale e sottoposti alla vigilanza dell’albo. In tal senso la società tra professionisti, che garantisce appunto tale controllo e favorisce l’aggregazione dei professionisti abilitati, è un modello che va ulteriormente incentivato.»

«Per quanto riguarda i professionisti in condizione di debolezza contrattuale nei confronti dei grandi committenti, vorrei sottolineare l’importanza di arrivare a definire e rendere effettivamente esigibile l’equo compenso.»

Per quanto riguarda la doppia tassazione dei rendimenti delle casse dei liberi professionisti, la proposta «è quella di abbattere gradualmente o eliminare l’aliquota al 26% che grava sui rendimenti dei contributi dei professionisti. Si tratta di 488 milioni di euro che le Casse potrebbero utilizzare per potenziare le misure di welfare per i loro iscritti, dunque di un’operazione di equità e sostegno a questi lavoratori».

Catene odontoiatriche low cost: l’intervento di Chiara Gribaudo - Ultima modifica: 2019-11-11T07:33:03+00:00 da redazione
Catene odontoiatriche low cost: l’intervento di Chiara Gribaudo - Ultima modifica: 2019-11-11T07:33:03+00:00 da redazione
Catene odontoiatriche low cost: l’intervento di Chiara Gribaudo - Ultima modifica: 2019-11-11T07:33:03+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome