Anestesia intraligamentare nei molari mandibolari con pulpite irreversibile

Anestesia intraligamentare

L’anestesia locale , indispensabile per il controllo della percezione del dolore durante numerose tipologie di intervento, è la base per un trattamento odontoiatrico di successo.

La tecnica di iniezione più comunemente utilizzata per l'anestesia locale dei molari mandibolari è quella del blocco del nervo alveolare inferiore (IANB), sebbene numerosi studi abbiano mostrato tassi di fallimento del 44-81%.

L'iniezione intraligamentare (IL) è invece una tecnica che può essere utilizzata come iniezione supplementare nei casi di insuccesso dell’IANB , consentendo di iniettare una soluzione di anestetico locale nell'osso spugnoso adiacente al dente da anestetizzare.

Pubblicità

Uno studio retrospettivo del Dipartimento di endodonzia e trauma dentale del Rambam Medical Center in Israele valuta la percentuale di successo delle iniezioni IL per il trattamento canalare dei molari mandibolari con pulpite irreversibile asintomatica. Ciò mediante l’utilizzo della tecnica a due siti o, quando necessario, di iniezioni IL supplementari, ovvero la tecnica a quattro siti.

I soggetti coinvolti sono stati 151 pazienti, trattati tra il 2011 e il 2013: sani, di età superiore ai 18 anni, con una lesione cariosa profonda in un molare mandibolare e una diagnosi di pulpite asintomatica irreversibile.

Anestesia e trattamento sono stati eseguiti dallo stesso specialista endodontico nelle zone mesiobuccali e distali delle radici: il dentista ha utilizzato la tecnica IL con una siringa IL, ago extra corto Gauge 30 e 4% di articaina cloridrato con 1:100 000 di epinefrina.

L'anestesia pulpare è stata considerata efficace al raggiungimento dell'analgesia completa, in caso di dolore durante l’esecuzione della cavità di accesso è stata utilizzata ILI supplementare.

Le analisi statistiche sono state eseguite mediante SPSS per Windows (versione 21), i tassi di successo complessivi sono stati determinati utilizzando il test esatto di Fisher e il test del chi quadrato di Pearson.

Per analizzare l'efficacia di questo protocollo, le procedure sono state divise in tre gruppi, in base al successo o al fallimento dell'anestesia:

  • Gruppo A: anestesia con successo in due siti, riscontrata in 48 denti (31,8%).
  • Gruppo B: anestesia con successo in quattro siti, riscontrata in 91 denti (60,3%).
  • Gruppo C: anestesia senza successo, riscontrata in 12 denti (7,9%).

Nel presente studio, la tecnica di iniezione a due siti non ha ottenuto un'anestesia sufficiente e affidabile. Aggiungendo altri due siti invece, la tecnica a quattro siti ha ottenuto un successo complessivo di anestesia profonda in oltre il 90% dei casi, senza effetti collaterali o severo dolore post operatorio.

I risultati di questo studio indicano dunque che, nei molari mandibolari asintomatici, l'uso dell'iniezione di IL a quattro siti come tecnica anestetica primaria dovrebbe essere considerata un'alternativa favorevole al comune IANB.

Riferimenti bibliografici a proposito di anestesia intraligamentare

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27558847/

 

 

Anestesia intraligamentare nei molari mandibolari con pulpite irreversibile - Ultima modifica: 2022-04-18T13:47:10+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome