Anatomia canalare: incisivo centrale,laterale e canino mascellare

L’endodonzia è sicuramente una fra le pratiche più complesse in ambito odontoiatrico. Pur trattandosi della branca professionale che probabilmente ha visto l’introduzione del maggior numero di innovazioni dal punto di vista tecnico-operativo, si tratta di una disciplina che conserva dipendenza tanto dall’operatore, quanto dal substrato biologico del paziente. Più che in altri campi, probabilmente, il successo o l’insuccesso di un trattamento canalare può essere connesso a variabili anatomiche o morfologie particolari. Con l’esperienza clinica, l’operatore diviene in grado di affrontare e in certi casi prevedere quelle che sono le complicanze alle quali potrebbe andare incontro. Posto che la complicanza è un evento che fa necessariamente parte della pratica quotidiana, non sarà altrettanto banale ribadire come la conoscenza dell’anatomia sia il riferimento chiave.

Video updated on Youtube by Dr. Ferhana Jaleel

Anatomia canalare: incisivo centrale mascellari

Gli incisivi superiori, trattandosi di monoradicolati, vengono generalmente considerati denti “semplici”: ciò non implica, tuttavia, la totale assenza di elementi di difficoltà. Incisivo centrale superiore: presenta una sola radice di forma circa conica, solitamente più lunga della corona. La camera pulpare, che ha forma triangolare e presenta due cornetti, uno mesiale e uno distale, si continua quasi sempre in un canale unico. Vertucci (1984) e Çaliskan (1995) riferiscono la presenza della configurazione I nel 100% dei casi, dato rivisto leggermente verso il basso (95.8%) da un lavoro condotto più recentemente sulla popolazione cinese (Weng 2009). Nel contempo, la frequente presenza di canali laterali e accessori, prevalentemente nel tratto medio-apicale, è nota fin dagli studi degli anni ’20 Hess e Zürcher e confermata anche più di recente (Sert e Bayirli 2004). Quest’ultimo studio ha evidenziato anche che nella maggior parte dei casi il forame apicale si trova in posizione eccentrica rispetto all’apice anatomico.

Pubblicità

Anatomia canalare: incisivo laterale macellare

L’incisivo laterale superiore per quanto simile al centrale (ad esempio, nella forma triangolare della camera pulpare), ha un’anatomia tendenzialmente più articolata. Presenta una radice assottigliata che presenta assai frequentemente una curvatura distale a livello del terzo apicale, di grado da moderato a severo, alle volte diretta anche palatalmente. Pure in questo caso prevale la configurazione I, in un range che varia dai 3/4 fino al 90% dei casi, seguita dalla III (detta anche “1-2-1”). Il forame è solitamente concorde all’apice anatomico.

Anatomia canalare: canino mascellare

L’aspetto che maggiormente caratterizza il canino superiore la presenza della radice più sviluppata di tutta la dentizione. La cavità pulpare è semplice, fusiforme e spesso appiattita mesio-distalmente. Il canale si presenta ovoidale in sezione trasversa ovoidale (soprattutto coronalmente) e si sviluppa longitudinalmente con una curvatura da grado lieve a moderato. La presenza di canali accessori è meno frequente rispetto agli incisivi, ma non è rara.

Anatomia canalare: incisivo centrale,laterale e canino mascellare - Ultima modifica: 2016-12-15T07:10:09+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome