Alterazioni morfologiche dell’apice radicolare negli elementi parodontite periapicale

DM_il dentista moderno_allungamento di corona dente trattato endodonticamente

La parodontite periapicale (AP), è una reazione infiammatoria dei tessuti periapicali del dente in risposta ad uno stimolo irritativo presente nel sistema canalare dell’elemento. Questa patologia può causare infiammazione locale, distruzione dei tessuti periapicali e riassorbimento del tessuto osseo. Se una parodontite apicale da origine ad una cisti la terapia canalare potrebbe non essere sufficiente, potrebbe essere necessaria l'apicectomia o addirittura l'estrazione dei denti interessati.

Analisi tridimensionali sulle variazioni dell'apice radicolare

Gli studi condotti in merito all’influenza di AP sulla morfologia all'apice della radice sono per lo più analisi bidimensionali su denti estratti, uno studio condotto su pazienti dell’ospedale stomatologico di Nanchino, invece, si è concentrato su analisi tridimensionali in vivo.

In questo studio, il campione analizzato era di 32 pazienti cinesi sottoposti a CBCT tra gennaio 2018 e febbraio 2019. I criteri di inclusione erano: presenza di denti anteriori con AP e denti controlaterali omonimi senza AP, un singolo canale radicolare senza trattamento canalare, perno o corone, nessun canale radicolare calcificato e un apice completamente formato.

Pubblicità

Le analisi sono state così condotte:

  • Le immagini CBCT ottenute, poi esportate nel formato dati DICOM, sono state importate in 3D Slicer 4.8.1, un software open source gratuito per l'elaborazione di immagini mediche.
  • Per determinare la posizione della costrizione apicale, l'analisi CBCT di sezioni trasversali seriali, perpendicolari all'asse del canale, sono state analizzate sia dall'aspetto buccolinguale (BL) che mesiodistale (MD), secondo il metodo di analisi di Schell. Nella vista assiale è stato calcolato il valore della differenza di diametro tra BL e MD.
  • Riguardo la forma dei canali, questa è stata considerata tradizionale quando le pareti del canale si allargavano apicalmente e coronalmente dalla zona più stretta, mentre la forma parallela è stata riconosciuta quando il diametro minore del canale si estendeva stabilmente per una lunga distanza (>2,5 mm) e si allargava solo per una breve distanza (0,1 mm) al forame. Nel modello 3D dei denti sono state registrate le distanze dalla costrizione apicale al forame (AC-AF) e all'apice anatomico (AC-AA) di ciascun canale.
  • Sono stati effettuati confronti tra denti AP e denti sani attraverso test t appaiati con un livello di significatività del 5%. Le differenze nelle forme di costrizione sono state analizzate mediante il test di Fisher o il test del chi quadrato in base al sesso. Per l'analisi statistica è stato utilizzato il pacchetto statistico per le scienze sociali 25.0. Il livello di significatività è stato fissato a p < 0,05.

Il presente studio ha fornito prove a sostegno del fatto che i denti con AP avevano distanze più brevi di costrizione apicale all'apice anatomico e al forame apicale, maggiori disparità tra i diametri buccolinguale e mesiodistale e una maggiore proporzione di costrizione apicale svasata.

Questi dati possono aiutare i medici a comprendere i cambiamenti morfologici dell'apice radicolare nei denti anteriori con AP e fornire riferimenti per il trattamento clinico.

Riferimenti bibliografici a proposito della morfologia dell'apice radicolare

https://bmcoralhealth.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12903-022-02062-z

Alterazioni morfologiche dell’apice radicolare negli elementi parodontite periapicale - Ultima modifica: 2022-03-22T06:39:15+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome