Allarme filler: troppi ritocchi, i medici imparino a dire no

DM_il-dentista-moderno_Chirurgia-estetica-a-Natale-filler-e-botulino-per-vedersi-meglio.jpg

Pochi giorni fa si è tenuto a Roma il 39esimo congresso della Società Italiana Medicina Estetica (SIME). Uno dei temi chiave di quest’anno è stata l’“eleganza”, un elemento sempre più spesso a rischio in chi si affida a ritocchi estetici. Particolare attenzione viene posta all’uso di filler, sempre più richiesto in Italia.

«L’Italia –  spiega Emanuele Bartoletti, Presidente SIME – è il paese in cui si fanno più filler in assoluto in rapporto alla popolazione; questo vuol dire che ne facciamo più del necessario.»
Inoltre sono molti i pazienti che «finiscono per sembrare uguali tra loro. Se questo avviene è perché non hanno trovato un medico che sapesse dire loro di no. I filler vanno finalizzati alla correzione dell’effettivo difetto del paziente nel rispetto della sua individualità». Il messaggio dunque è chiaro: servono medici più attenti, che siano capaci di guidare i pazienti e di dire no, quando necessario.

 

Allarme filler: troppi ritocchi, i medici imparino a dire no - Ultima modifica: 2018-05-21T06:59:21+00:00 da redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome